Evoluzione per gradi

Il passaggio al nuovo protocollo Ndc sembra procedere per gradi, implementazione dopo implementazione e successivo controllo delle performance. “Alcune compagnie aeree – ha precisato Sandro Gargiulo, country manager Italia & Malta di Travelport – sono in fase di definizione tecnica delle loro Api, soprattutto per quel che riguarda i cambiamenti di biglietto volontari e involontari. La Iata ha cercato di affrontare questo aspetto in modo più esaustivo nella versione 17.2 di Ndc. C’è una prima ondata di compagnie che, avendo adottato questa versione, sono in grado di rilasciare la capacità necessaria per supportare entrambe le modifiche. A nostra volta, siamo impegnati nel processo di implementazione di questa funzionalità in Smartpoint, che consentirà all'agente non solo di acquistare, cercare e prenotare contenuti Ndc, ma di gestire la prenotazione in modo completo, esattamente come è possibile oggi per una prenotazione con contenuti tradizionali”. Il nuovo protocollo non sarà quindi una moda passeggera ma l’ingresso in quel mondo ibrido in cui offerte Ndc tradizionali e dinamiche saranno l’una a fianco all’altra. “Ed è fondamentale – ha affermato Marco Benincasa, regional director France, Italy and Iberia per Sabre – che i nostri sistemi siano in grado di supportare questo mondo ibrido e offrire un flusso di lavoro continuo e un'esperienza utente coerente”.
Ma il settore dovrà affrontare anche un'altra sfida: come visualizzare le diverse offerte in un modo facilmente confrontabile? Per raggiungere l’obiettivo, Sabre collabora con Delta airlines, Atpco e altri leader del settore per sviluppare un nuovo innovativo approccio allo shopping, denominato Next generation storefront (Ngs). “La nostra soluzione – ha sottolineato Gabriele Rispoli, direttore commerciale di Amadeus Italia – offre la flessibilità integrata necessaria per confrontare e integrare più caratteristiche e coinvolgere le esigenze dei nostri clienti. Di prossima generazione, l’Ngs stabilirà standard comuni per i dati dei servizi, fornendo una rappresentazione grafica più semplice e intuitiva delle caratteristiche di ciascun prodotto, sia che siano inclusi in una tariffa o disponibili a un costo aggiuntivo”.
“Ndc fa parte di un viaggio ben più lungo verso una maggiore digitalizzazione a cui è interessato l'intero settore, compagnie aeree e venditori di viaggi. Le possibilità di innovare su Ndc sono potenzialmente infinite e possiamo aspettarci un'innovazione continua nei prossimi dieci anni grazie alle nuove funzionalità che il nuovo protocollo offrirà. Nei prossimi 12 mesi, quindi, si parlerà più di un'evoluzione che di una rivoluzione, che dipenderà in gran parte dal ritmo di adozione da parte di tutti gli attori del settore e dal valore creato per il viaggiatore finale. Se i vettori possono creare nuovo valore e nuove interessanti offerte con Ndc, ciò determinerà ulteriori ricavi per il settore e porterà a ulteriori investimenti in tecnologia”.
Ma se Ndc potrà aiutare a migliorare le capacità di vendita dei vettori, non può ridurre la vasta complessità della distribuzione dei viaggi. “Solo il Gds, ad esempio, può offrire elementi come l'aggregazione dei contenuti da più fonti, la prenotazione, l'automazione del flusso di lavoro, la gestione delle modifiche, la manutenzione del cliente, la robotica di agenzia, le modifiche di prenotazione, la conformità alle policy, la gestione delle spese, la fatturazione e l'analisi aziendale”, ha specificato Gargiulo di Travelport. “Gli agenti devono parlare con i loro partner nel settore – ha proseguito il manager – i vettori sui loro piani per la distribuzione Ndc e i Gds sulle loro soluzioni per fornire contenuti Ndc delle compagnie. Devono anche capire in che modo il protocollo nuovo può davvero avvantaggiare i loro clienti e il valore aggiunto che possono apportare alle compagnie una volta che viene ampiamente utilizzato. Tutte queste informazioni aiuteranno gli agenti a formare una strategia Ndc, che funzioni davvero per la loro attività”. E qual è il valore aggiunto che un Gds potrà dare nell'ottica di un'evoluzione end-to-end? “Il Gds sarà cruciale grazie alla sua capacità di aggregare, indicizzare e analizzare i contenuti dei tradizionali acquisti di linee aeree, acquisti basati su Ndc e Api Lcc da presentare in un'unica fonte integrata – ha affermato Sabre -. In un mondo in cui il contenuto è più frammentato, il valore dell'aggregazione sale”.
“Nella comunità di chi vende viaggi crescono consapevolezza e coinvolgimento attorno al tema Ndc – ha concluso Rispoli di Amadeus Italia -. Lavoro e investimenti coinvolgono tutti gli attori del settore, compreso Amadeus. Ci stiamo preparando a lanciare le versioni abilitate Ndc dei nostri web service e della nostra interfaccia agenzia/utente basata su cloud, Amadeus selling platform connect. Entrambe le soluzioni sono state potenziate ed evolute per poter usufruire di contenuti Ndc”.
Insomma, il viaggio verso l’adozione completa e globale, oltre che efficace per garantire il ritorno sull'investimento promesso, del nuovo protocollo Ndc è lungo. E il comparto viaggi è ancora all’inizio.               

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti