Alitalia: il Gruppo Toto conferma la partecipazione alla cordata

Passi avanti nella partita Alitalia. Questa volta sotto i riflettori c'è il Gruppo Toto che si è fatto avanti, come riporta Ansa, confermando la sua partecipazione alla cordata.

La società ha scelto di inviare una lettera al Messaggero, per illustrare le "sue credenziali" per fare il suo ingresso in Alitalia. La lettera porta la firma dell'a.d Lino Bergonzi e di Riccardo Toto.

La prima parte della missiva illustra quelli che sono i punti di forza del Gruppo Toto, che "è oggi un gruppo sano, con oltre 500 milioni di euro di ricavi e 1.300 dipendenti, attivo nelle energie rinnovabili con profitto in Italia e soprattutto negli Stati Uniti, nelle opere pubbliche, nelle concessioni autostradali (con la Strada dei Parchi) e nelle manutenzioni di impianti. Eppure, quando il gruppo Toto viene citato nell’ambio della vicenda Alitalia, sovente lo si accosta a informazioni non corrette e ad alcune strane leggende che vale la pena di chiarire", fa presente la lettera.

E le "leggende" cui fa riferimento sarebbero "i risultati della sua trascorsa esperienza nel trasporto aereo", "i presunti debiti con Anas, (Gruppo Fs), in relazione alla concessione delle autostrade A24 e A25 che il Gruppo Toto si aggiudicò nel 2003 dopo aver vinto per la maggiore offerta (750 milioni di euro) un bando europeo" e terza leggenda "è quella legata alla New Livingston, società di charter esterna al Gruppo Toto, gestita per due anni, fino al 2014".

La lettera si conclude facendo presente: "E' evidente che, se il Gruppo Toto ha deciso di impegnarsi in questo percorso di verifica, ha l’esperienza imprenditoriale e risorse economiche adeguate per confrontarsi con altrettanto validi partners con professionalità, competenza e serietà. Per l’Alitalia, per chi vi lavora, e per il Paese".

Tags: ,

Potrebbe interessarti