Federalberghi Torino: in crescita i turisti stranieri

I flussi turistici dell’ultimo decennio premiano Torino e la provincia, incoronando il capoluogo piemontese come una delle mete più ambite in Italia, subito dietro alle grandi città d’arte. I dati resi noti da TurismOk nell’ambito dell’annuale assemblea di Federalberghi Torino rivelano il rassicurante stato di salute del turismo nella nostra provincia con una crescita dei turisti stranieri e un incremento della permanenza media sul territorio. Gli imprenditori della ricettività potranno inoltre disporre presto di un nuovo servizio di forecast che assicura una previsione, a 45 giorni, della pressione della domanda per orientare le proprie scelte di marketing.

Il quadro emerso

Il quadro che emerge dai dati presentati è quello di un territorio – Torino e Provincia – sempre più turistico, che negli ultimi dieci anni ha visto crescere le presenze del 32% con un picco del 66% in Torino e area metropolitana. Anche nel 2018 i turisti provenienti da altre regioni italiane continuano a rappresentare il flusso preponderante – con un’incidenza di circa il 70% -, ma crescono anche i turisti stranieri, con una permanenza media di circa tre notti (+12%), in controtendenza con il dato regionale (-5%). Sempre nel 2018 i principali mercati stranieri sono rappresentati dal Regno Unito (18,4%), dalla Francia (15,8%) e dalla Germania (5,2%). La ripartizione mensile, infine, è abbastanza equilibrata ed uniforme, con un peso maggiore nel primo trimestre dell’anno e nel mese di luglio grazie soprattutto all’incidenza del turismo montano in quei periodi.

 

Tags:

Potrebbe interessarti