Viaggi Dell’Elefante: viaggi di gruppo, torna la programmazione con accompagnatore

I viaggi di gruppo sono sempre stati uno dei cardini di Viaggi Dell’Elefante: itinerari culturali, gruppi da 15 partecipanti in media, servizi di livello e guide esperte parlanti italiano.

Elemento che era quasi scomparso è l’accompagnatore dall’Italia: l’utilizzo di assistenti e guide di prim’ordine nelle destinazioni ha reso quasi superflua questa figura, che per ovvi motivi rende la proposta di viaggio più costosa. Negli ultimi anni, infatti, Viaggi Dell’Elefante ha usufruito dell’accompagnatore dall’Italia solo per alcune partenze speciali, come il Giappone in occasione della Fioritura dei Ciliegi e del Festival dell’Obon in Agosto: due partenze “calde”, la prima per l’enorme presenza di turisti da tutto il mondo, che rende complicati trasferimenti e visite; l’altra per il clima torrido e umido che rende necessaria la presenza di personale italiano esperto per affrontare eventuali emergenze, ma anche per spiegare le bellezze del Paese in festa nonostante il clima avverso.

Quest’anno, in concomitanza dei ponti di primavera e di Pasqua, è stata registrata una richiesta molto alta per una destinazione di tendenza, ma non per questo motivo semplice: l’Uzbekistan. Il tour operator ha dovute rifiutare molte richieste e creare tre viaggi di gruppo separati con 20 persone ciascuna; tutti e tre con accompagnatore dall’Italia. L’iniziativa è stata molto ben recepita dal mercato e dai viaggiatori che, dopo attenta riflessione e diverse riunioni di prodotto e commerciali, l’organizzazione ha deciso di riprendere la programmazione con accompagnatore in maniera più estesa. Del resto a Viaggi Dell’Elefante è stato sempre richiesto proprio questo: servizi di livello, anche a fronte di proposte più costose rispetto ai competitor.

“Stiamo lavorando a un calendario molto intenso di viaggi con accompagnatore – spiega Enrico Ducrot, a.d. di Viaggi Dell’Elefante – al momento sul nostro sito trovate già il Caucaso, l’Uzbekistan, e ovviamente la Fioritura dei Ciliegi 2020, ma sto pianificando anche la Cina con il Tibet, il Pakistan e altri Paesi della Via della Seta; Argentina e Perù in Sud America; l’Etiopia, l’Egitto e un’Africa australe insolita; l’Australia, e, ovviamente, vari itinerari nell’India meno turistica”.

Lo sviluppo della programmazione con accompagnatore fa parte del focus che l’operatore sta facendo sui viaggi di gruppo e si affianca al progetto del “tour organizer”: l’organizzazione di Viaggi Dell’Elefante ha prodotto un calendario di partenze di gruppo parallelo alla programmazione pubblica; le quote sono nette e riservate solamente alle agenzie che intendono creare una propria programmazione gruppi. Tale progetto sta stimolando il mercato non solo delle agenzie che storicamente lavorano in questo segmento, ma anche di quelle che sono solitamente concentrate sugli individuali, ma hanno voglia, senza alcuna fatica né impegni finanziari, a diversificare la propria proposta.

Tags: ,

Potrebbe interessarti