Linate, si chiude: domani il via ai lavori

Inizieranno domani gli annunciati lavori di restyling dell’aeroporto di Milano Linate, che terranno lo scalo chiuso fino al prossimo 27 ottobre. Nello stesso periodo (luglio-ottobre) del 2018, l’aeroporto ha servito, tra partenze e arrivi, più di 24.000 voli con una percentuale di voli on-time dell’83%, la più alta tra gli aeroporti lombardi.

“Quest’anno – spiega AirHelp – i voli previsti su Linate dovranno essere redistribuiti tra i due aeroporti di Milano Malpensa e Bergamo Orio al Serio che l’anno scorso hanno dovuto gestire rispettivamente 48.000 e 20.000 voli tra luglio e ottobre”. La società ha condotto uno studio per capire come e quanto la chiusura del miglior aeroporto lombardo del 2018 influenzerà il traffico aereo di quest’estate: si prevede un incremento di affluenza di circa il 36% sugli aeroporti di Milano Malpensa e Bergamo Orio al Serio.

Per cvhi partirà da Malpensa, "il consiglio principale – spiega Monica Piccirillo, direttore degli aeroporti della Lombardia per Enac – riguarda i tempi: lo scalo varesino è molto più grande di quello di Linate, di conseguenza le distanze da percorrere tra un'operazione e l'altra sono maggiori. Così, anche se sono stati installati altri 26 blocchi per il check-in e 5 nuovi gate d'imbarco: si consiglia di arrivare almeno 3 ore prima della partenza per i voli intercontinentali e almeno un'ora e mezza prima per quelli nazionali e internazionali".

“Durante la scorsa stagione estiva – fa osservare AirHelp – più di 1,4 milioni di passeggeri sono rimasti bloccati all’aeroporto di Milano Malpensa con il 30% di voli in ritardo o cancellati. L’aeroporto di Bergamo Orio al Serio ha garantito performance migliori: seppure con una percentuale di voli on time del 73%, oltre 530mila passeggeri sono rimasti coinvolti in disagi relativi al proprio volo”.

“Al di là della chiusura dell’aeroporto di Linate che, sicuramente, causerà un ulteriore incremento di disagi per i passeggeri che partono dagli altri aeroporti lombardi, AirHelp ha previsto disagi per più 7,8 milioni di viaggiatori che partiranno dall’Italia durante la stagione estiva – afferma Roberta Fichera, portavoce di AirHelp Italia -. Siamo certi che Milano Malpensa e Bergamo Orio al Serio stiano già applicando tutte le misure necessarie per prevenire disagi ai passeggeri, ma inevitabilmente ce ne saranno moltissimi: ecco perché vogliamo ricordare ai viaggiatori che, per ritardi e cancellazioni, hanno diritto a un risarcimento fino a 600 euro a persona".

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti