L’escursione turistica con voucher soggetta a fattura elettronica

Dall’Agenzia delle Entrate arrivano chiarimenti in merito agli obblighi di certificazione dei corrispettivi per le escursioni organizzate tramite un’agenzia di viaggi che rilascia ai clienti un voucher.

Come si legge su Euroconference.it, il caso in questione riguarda una società con volume d’affari superiore a 400mila euro annui, che svolge attività di trasporto di persone e organizza tour alle isole della laguna veneta tramite una propria agenzia di viaggi. Al momento della presentazione dei voucher (emessi dall’agenzia), la società rilascia a quest’ultima una ricevuta/scontrino fiscale con l’indicazione di “corrispettivo non pagato”.

Come riporta la fonte, alla luce delle modifiche riguardanti la certificazione fiscale dei corrispettivi, di cui all’articolo 2, comma 1, D.Lgs. 127/2015, la società si posta il problema se sia ancora possibile emettere ricevute/scontrini fiscali non pagati alla presentazione dei voucher.

L'articolo 2 di cui sopra, prevede, "come regola generale, che tutti i soggetti che effettuano le operazioni di commercio al minuto e quelle ad esse assimilate di cui all’articolo 22 D.P.R. n. 633/1972 – tra cui rientra anche, in base al n. 6-bis) del primo comma, l’attività di organizzazione di escursioni, visite della città, giri turistici ed eventi similari, effettuata dalle agenzie di viaggi – memorizzano elettronicamente e trasmettono telematicamente all’Agenzia delle Entrate i dati relativi ai propri corrispettivi giornalieri.
L’obbligo in questione decorre dal 1° gennaio 2020, ma è anticipato al 1° luglio 2019 per coloro che hanno un volume d’affari superiore a 400mila euro annui".

"L’Agenzia delle Entrate – si legge sulla fonte – ha chiarito che la società, avendo un volume d’affari superiore a tale limite monetario, per i tour alle isole della laguna veneta resi e venduti direttamente a coloro che non sono soggetti passivi Iva, dal 1° luglio 2019 deve procedere alla memorizzazione elettronica e alla trasmissione telematica dei corrispettivi, rilasciando ai clienti il relativo documento commerciale avente le caratteristiche individuate dal D.M. 07.12.2016". 

 

Tags:

Potrebbe interessarti