Ryanair, nel Q1 utili in calo del 21%

Ryanair Holdings ha registrato un calo del 21% degli utili del primo trimestre per un totale di 243 milioni di euro nonostante una crescita dei ricavi dell'11% (2,31 miliardi di euro). Il calo del 6% medio della tariffe è stato compensato da forti entrate nella vendita delle ancillary e dalla crescita del traffico dell'11%, pari a a 42 milioni di clienti. La flessione, si legge in una nota, è dovuta a un aumento dei costi del 19% (il carburante è salito del 24%) e al completo consolidamento di Lauda.

“Come precedentemente indicato – ha dichiarato l’ad Michael O’Leary – i profitti del primo trimestre sono scesi del 21% a causa di tariffe più basse, maggiori costi di carburante e del personale. I punti salienti del primo trimestre includono una revenue per passeggero a 55 euro (tariffe inferiori del 6% compensate con entrate accessorie superiori del 14%), traffico in aumento dell'11%, il lancio di 239 nuove rotte e l’apertura di quattro nuove basi a Bordeaux, Marsiglia, Southend e Berlino. Malta Air è diventa la quarta compagnia aerea del gruppo e la flotta di Lauda Airbus cresce fino a venti A320 mentre le consegne dei Max sono ulteriormente procrastinate a fine anno. Ryanair è la prima compagnia aerea dell'UE a pubblicare emissioni mensili di CO2, quantificate in 66 grammi per passeggero. Inoltre, a maggio è iniziato il riacquisto di azioni per 700 milioni di euro”.

La compagnia irlandese ha mantenuto invariata la guidance sull'esercizio, con un’attesa di profitti compreso tra 750 e 950 milioni di euro. Bene anche in Borsa, dove il titolo sale del 3,2%.

 

Tags:

Potrebbe interessarti