Royal Caribbean: 116 milioni di dollari per il ritorno di Freedom of the Seas

Sarà Freedom of the Seas la nave che nel 2020 ridefinirà il concetto di "island hopping" nei Caraibi meridionali, dopo il restyling da 116 milioni di dollari al quale sarà sottoposta nell'ambito del programma Royal Amplified di Royal Caribbean. Si tratta di un investimento complessivo per oltre un miliardo di dollari su dieci navi in quattro anni, che tocca ogni aspetto dell'esperienza a bordo introducendo attrazioni nuove, ulteriori opzioni nell’ambito della ristorazione e del divertimento e spazi completamente rivisti per gli ospiti, inclusi bambini e adolescenti.

A partire dall'8 marzo 2020, la Freedom of the Seas appena rimodernata proporrà crociere di 7 notti nei Caraibi meridionali con partenza da San Juan a Porto Rico per visitare tra gli altri, Oranjestad, Aruba; Willemstad, Curaçao; Castries, Santa Lucia; Bridgetown, Barbados; Saint Johns, Antigua; e Kralendijk, Bonaire.

Oltre ad attrazioni già apprezzate quali il simulatore di surf FlowRider, il mini golf e la parete di arrampicata, gli ospiti a bordo potranno divertirsi con The Perfect Storm, il duo di scivoli acquatici Cyclone e Typhoon e godere di un'area piscina in stile caraibico, completamente ridisegnata, con lettini, amache, sedute anche al riparo dal sole sotto le casitas e il parco acquatico Splashaway Bay per i più piccoli. Riservato ai soli adulti, il Lime & Coconut, il nuovo bar esclusivo a bordo piscina di Royal Caribbean, distribuito su tre livelli con musica dal vivo, un’ampia gamma di cocktail e una terrazza panoramica.

La rinnovata Freedom of the Seas vedrà a bordo anche nuovi ristoranti per cenare, spaziando dalla cucina italiana alla messicana passando per quella asiatica.