Aefi: “Le fiere nella cabina di regia per l’internazionalizzazione”

In merito al possibile trasferimento dell’attività di internazionalizzazione dal ministero dello Sviluppo Economico al ministero degli Affari Esteri, Giovanni Laezza, presidente di Aefi-Associazione Esposizioni e Fiere Italiane, commenta: “Come Aefi auspichiamo che il trasferimento paventato rimanga un’ipotesi. Temiamo, infatti, che il passaggio delle competenze tra i due ministeri possa rallentare le attività e lo sviluppo dei progetti già avviati e volti a supportare il processo di crescita e internazionalizzazione delle nostre fiere e l’export delle nostre imprese. Da anni collaboriamo con il Mise – fa presente il manager – un dialogo che è stato continuo e costruttivo e che, nonostante la pluralità dei referenti che si sono succeduti, ci ha permesso di far comprendere le problematiche del settore e ottenere alcuni riconoscimenti, come l’inserimento delle Fiere nel Piano Straordinario per il Made in Italy". 

Laezza mette in luce che "la nostra preoccupazione è che l’intero comparto – che genera affari per oltre 60 miliardi di euro, dando origine al 50% dell’export delle aziende che vi partecipano – non venga sostenuto né riconosciuto quale strumento di politica industriale e che le nostre istanze vengano bloccate. In occasione della Giornata Mondiale delle Fiere dello scorso 6 giugno, era stato avviato l’iter per la costituzione di un tavolo integrato di confronto sul settore fieristico con Mise, Ice e tutti gli attori del sistema, per trovare insieme la migliore strategia volta a valorizzare e rafforzare il ruolo delle fiere. Speriamo quindi che presto questo tavolo possa concretizzarsi o che fin d’ora le fiere possano essere parte della cabina di regia  per l’internazionalizzazione”.

 

Tags: , ,

Potrebbe interessarti