A un passo dalle regioni settentrionali d’Italia, una fascia costiera che si allunga sul mare Adriatico, più di mille isole, le Alpi Dinariche, città storiche e una predisposizione all’ospitalità. La Croazia vanta un ventaglio di offerte di primo piano e la volontà di aprirsi sempre più verso un turismo attento all’ambiente. Ne abbiamo parlato con Viviana Vukelic, direttrice dell’Ente nazionale croato per il turismo con sede a Milano.

Gv: Ci può offrire in anteprima un’analisi di quest’anno?
“La stagione turistica appena trascorsa, considerando i primi nove mesi dell’anno, è stata alquanto positiva e va considerato che, per quanto ci riguarda, non si è ancora conclusa poiché in Croazia attualmente si stanno registrando ancora arrivi. In agosto abbiamo registrato trend positivi e siamo soddisfatti anche delle previsioni per il resto dell’anno, che confermano una posizione sempre più di spicco da parte della Croazia nei periodi di spalla”.

Gv: Sono già disponibili delle statistiche?
“Da gennaio a fine agosto in Croazia abbiamo registrato 16,5 milioni di arrivi, il 5% in più rispetto allo scorso anno, e 90,1 milioni di pernottamenti (+2%). In agosto i visitatori sono stati cinque milioni (+8%) e 33,1 milioni i pernottamenti (+3%).
Per quanto riguarda i turisti italiani, agosto ha totalizzato 530mila arrivi e 2,8 milioni pernottamenti. Nei primi otto mesi, in totale, dall’Italia abbiamo registato 1.047.112 arrivi e 4.933.212  pernottamenti. Tutti i dati riferiti all’incoming dall’Italia sono cresciuti del 3% rispetto al 2018”.

Gv: Quali sono i mercati più vivaci per l’offerta croata?
“In questi mesi, per quanto riguarda pernottamenti registrati la classifica vede in testa la Germania, seguita da Slovenia, Austria, Polonia, Italia, Repubblica Ceca, Regno Unito. Le mete preferite per quanto riguarda pernottamenti sono state Dubrovnik, Rovinj, Porec, Split. Sempre più apprezzata anche la parte continentale, con la capitale Zagabria e la regione Slavonia. Offriamo arte, cultura, tradizioni, enogastronomia e, per quanto riguarda gli appassionati di turismo attivo, natura spettacolare, aria pulita, bellissime colline per fare trekking, tante piste ciclabili e un’ampia offerta sportiva. Da noi si possono sviluppare itinerari in camper e in barca a vela”.

Gv: Che riflessione avete tratto da questa stagione riguardo il mercato italiano?
“Le considerazioni sono molto positive perché i turisti in Croazia sono stati numerosi sia per la prima stagione sia durante l’estate. La popolarità della Croazia in Italia è dimostrata anche da numerose pubblicazioni sui media italiani più popolari. Alla vigilia dell’estate, grande attenzione è stata posta sulle isole e sulla costa, i festival estivi, i luoghi in cui è stata girata la serie campione d’incassi Il Trono di Spade, i parchi nazionali, le spiagge…”.

Gv: Quali gli highlight per la stagione invernale?
“I visitatori stanno scoprendo anche durante l’inverno le bellezze della Croazia continentale, prima fra tutte la capitale Zagabria, famosa per i mercatini di Natale e la sua atmosfera avvolgente durante l’Avvento. In questo periodo dell’anno i visitatori possono, infatti, visitare la città e scoprire i prodotti tipici e artigianali, insieme alla ricca offerta enogastronomica. Il tutto a poche ore di viaggio dall’Italia.
Per concludere, gli highlight per la stagione invernale saranno prodotti come benessere, turismo sanitario, congressuale e l’Avvento con le numerose feste per il Capodanno. L’anno prossimo sarà sicuramente interessante visitare la città di Rijeka (Fiu-me), Capitale europea della cultura 2020”.                

 

Tags: ,

Potrebbe interessarti