Tagli di basi e posti di lavoro per Ryanair

Ryanair sarà costretta a tagliare o chiudere "un certo numero" di basi in perdita generando così perdite di posti di lavoro tra i piloti e negli equipaggi di cabina a causa dei ritardi causati dal 737 Max. Il gruppo aereo irlandese non ha fornito dettagli sulle basi in questione o sul livello dei posti di lavoro a rischio."Continuiamo a lavorare con i sindacati per finalizzare questo processo", ha dichiarato Ryanair Holdings.

La notizia è arrivata all’indomani di profitti semestrali rimasti “piatti”. La low cost ha anche ridotto la sua previsione di utile per l'intero anno portandolo a una quota compresa tra 800 e 900 milioni di euro.Invariato l’utile netto per i sei mesi fino al 30 settembre, a quota € 1,15 miliardi.

Ryanair Holdings, che comprende il braccio austriaco Lauda, ha registrato un aumento del numero di passeggeri dell'11% a 85,7 milioni nel periodo fino a settembre, con ricavi in aumento dell'11% a 5,39 miliardi di euro. Ma i profitti sono stati ancorati allo stesso livello dello stesso periodo del 2018 in quanto la bolletta del carburante è aumentata del 22% da 289 milioni di euro a 1,59 miliardi di euro.

In attesa del periodo invernale, Ryanair ha dichiarato che le sue prospettive per il resto dell'anno "rimangono caute".

Tags:

Potrebbe interessarti