Antonella Ballone, dall’ufficio prenotazioni di t.o. alla presidenza di Eurolines

Antonella Ballone si racconta a Guida Viaggi per la rubrica Professioni da scoprire. Ha 38 anni, due figli piccoli Andrea Bruno di 5 anni e Agostino di 20 mesi. Laureata a Pescara in lingue straniere con indirizzo turistico, ha perfezionato l'inglese a Londra all'Embassy University e il russo a Mosca al Puskin Institut. Ha soggiornato in Russia dal 2002 al 2005 per diversi mesi all'anno sia per motivi di studio, che per il lavoro di incomimg di Baltour. Oggi è vice presidente di Baltour e presidente di Eurolines Organization.

"Ho iniziato lavorando al booking della Baltour ancora prima di laurearmi. Successivamente ho affiancato i colleghi per contrattualizzare gli hotel e acquisire allotment. L'esperienza turistica che mi ha formato di più è stata la realizzazione del volo charter Mosca-Pescara di cui Baltour aveva assunto l'intero rischio di impresa – racconta a Guida Viaggi -. Ho seguito tutte le fasi del progetto e la conoscenza della lingua russa mi ha messo nelle condizioni di interloquire agevolmente con i partner russi. Oggi l'attività dell'azienda di incoming, come quella di tour operator, con l'Egitto quale prima destinazione estera, fa parte del passato. Per l'Egitto, a suo tempo, fu una scelta obbligata, fatta a ridosso della rivolta di Piazza Tahrir e le dimissioni di Mubarak. Oggi la nostra principale attività è concentrata sul ramo trasporti delle linee bus a lunga percorrenza che operiamo in Italia e in Europa e ci occupiamo del trasporto pubblico locale della città di Teramo".

Una carica da presidente e il ruolo di mamma. Difficile conciliare i ruoli? "Ricopro la carica di presidente della Eurolines Organization, che ha sede a Bruxelles. La società coordina le linee bus internazionali di un gruppo di 27 aziende europee, delle quali alcuni multinazionali. E' un grande privilegio per me oltre che un grande impegno – afferma -. Il ruolo di presidente di una società con sede all'estero mi impegna molto, ma grazie all'aiuto della tecnologia, delle call conference e dei buoni collegamenti aerei tra Roma e Bruxelles, gestisco bene questo ruolo. Certo mi alzo alle due di notte per arrivare a Roma, prendere il primo volo delle sette e rientrare a casa in serata. Posso contare su un ottimo staff in ufficio e supporto in famiglia. Avere due bimbi piccoli mi richiede di fare una attenta selezione delle priorità. Vivo con la consapevolezza che tutti i lavori sono delegabili meno il lavoro di mamma".

Cosa vede nel futuro? La manager si concentra sul presente, "tuttavia per il futuro vedo interessanti prospettive sia a livello professionale che personale. Il meglio deve ancora venire". Per leggere l'intervista nella versione integrale si può cliccare questo link.

Annarosa Toso

Tags: , ,

Potrebbe interessarti