La Calabria innova il balneare e punta a destagionalizzare

Un 2019 di crescita, seppur leggera, sulle presenze turistiche, guidata dagli arrivi degli stranieri e non più – come negli anni precedenti – dai flussi del turismo interno, con un incremento dei visitatori dall'Est, da paesi come Russia e Ucraina, e con il consolidamento del mercato tedesco. E’ questo lo stato dell’arte del turismo in Calabria, presente in Bit a Milano con l’obiettivo dichiarato di intercettare nuovi flussi e di promuovere – con iniziative ad hoc – le tante nuove strutture da migliaia di posti letto aperte o in procinto di aprire, con un’offerta che guarda alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente.

La regione ha portato in fiera anche alcuni casi di successo, a partire da Tropea – candidata a capitale della cultura 2021 – e da quella Cosenza che “negli ultimi anni – si legge in una nota – è riuscita a vincere una scommessa importante: quella di affermarsi come destinazione turistica puntando moltissimo sull’offerta artistico-culturale, l’enogastronomia, la natura dell’entroterra, lo sport”. “Cosenza è oggi una città viva, animata ogni mese da eventi e iniziative culturali, di grande appeal anche per il turismo straniero, specialmente tedesco – ha detto l’assessore comunale al Turismo e marketing territoriale Rosaria Succurro -. Abbiamo lavorato a un portale turistico multilingue, alla produzione di cartografie in collaborazione con il National Geographic, al miglioramento degli info point e destinato le tasse di soggiorno allo sviluppo di progetti turistici, coinvolgendo diversi soggetti sul territorio per fare rete”.

Tra gli asset a disposizione degli operatori, la regione punta i fari su TurisCalabria, portale web tematico e pensato per sezioni che vuole presentare a viaggiatori ed operatori tutta la gamma di esperienze e prodotti turistici offerti dal territorio. “Ad essere protagonista – spiega la regione in una seconda nota – vi è certamente un innovato turismo balneare, improntato tanto alle famiglie quanto agli sportivi: per l’anno 2020 si segnala in particolare che la Calabria è in testa alle classifiche nazionali per le spiagge a misura di bambino, con le sue 18 località a cui sono state attribuite le bandiere verdi, ma al contempo si registra una sempre crescente offerta di esperienze active, tanto nelle località balneari quanto in quelle montane indirizzate a turisti alla ricerca di viaggi adrenalinici".

In aumento anche "i tour esperienziali che interessano gli attrattori culturali, il folclore, i costumi, l’artigianato artistico ma anche i cammini, naturalistici e religiosi, l’enogastronomia dei prodotti di eccellenza e delle tradizioni culinarie. La diversificazione dell’offerta rappresenta il perno di una strategia di penetrazione sui mercati, soprattutto esteri, finalizzata a confermare il costante trend di crescita di arrivi e pernottamenti che negli ultimi anni, anche al di fuori dell’alta stagione estiva, ha fatto registrare il segno più”.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti