Così funzionano i rimborsi per voli e pacchetti

Nelle 48 pagine del Decreto legge sul turismo varato per sostenere le aziende in difficoltà in questa fase di mercato, sono quattro in particolare gli articoli di interesse per il nostro settore. Il numero 8 parla della sospensione dei contributi; il 17 si occupa della cassa in deroga in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna; il 25 verte sul tema del fondo di garanzia per le pmi e infine il numero 28 prende in esame i rimborsi dei titoli di viaggio e dei pacchetti turistici.

In merito a quest’ultimo aspetto, il decreto recita testualmente:

1.Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1463 del Codice civile, ricorre la sopravvenuta impossibilità della prestazione dovuta in relazione ai contratti di trasporto aereo, ferroviario, marittimo, nelle acque interne o terrestri stipulati;

2.I soggetti di cui al comma 1 comunicano al vettore il ricorrere di una situazione di cui al medesimo comma 1 allegando il titolo di viaggio e la documentazione attestante la programmata partecipazione a manifestazioni, iniziative o eventi. Tale comunicazione è effettuata entro trenta giorni decorrenti.

3.Il vettore, entro quindici giorni dalla comunicazione di cui al comma 2, procede al rimborso del corrispettivo versato per il titolo di viaggio ovvero all’emissione di un voucher di pari importo da utilizzare entro un anno dall’emissione.

4.Le disposizioni di cui ai commi 2 e 3 trovano applicazione anche nei casi in cui il titolo di viaggio sia stato acquistato per il tramite di un’agenzia di viaggio.

5.I soggetti di cui al comma 1 possono esercitare il diritto di recesso dai contratti di pacchetto turistico, da eseguirsi nei periodi di ricovero, di quarantena con sorveglianza attiva ovvero di durata  dell’emergenza epidemiologica covid-19 nelle aree interessate dal contagio come individuate dai decreti adottati dal Presidente del Consiglio dei ministri. In caso di recesso, l’organizzatore può offrire al viaggiatore un pacchetto sostitutivo di qualità equivalente o superiore, può procedere al rimborso, oppure può emettere un voucher, da utilizzare entro un anno dalla sua emissione, di importo pari al rimborso spettante.

6.In relazione alle ipotesi disciplinate dall’articolo 1, comma 2, lettera f, de decreto legge 23 febbraio 2020, il rimborso può essere effettuato anche mediante emissione di un voucher di un pari importo da utilizzare entro un anno dall’emissione.

7.Nei casi di cui ai commi 5 e 6, il vettore  procede al rimborso del corrispettivo versato per il titolo di viaggio in favore dell’organizzatore ovvero all’emissione di un voucher di pari importo da utilizzare entro  un anno dall’emissione.

8.Le disposizioni di cui al presente articolo costituiscono…norme di applicazione necessaria.

9.Alla sospensione dei viaggi ed iniziative d’istruzione disposta dal 23 febbraio al 15 marzo…si applica quanto previsto dall’articolo 41, comma 4, del decreto legislativo  23 maggio 2011, n. 79, in ordine al diritto di recesso del viaggiatore prima dell’inizio del pacchetto di viaggio nonché l’articolo 1463 del Codice civile. Il rimborso può essere effettuato anche mediante l’emissione di un voucher di pari importo da utilizzare entro un anno dall’emissione.

 

 

Tags: ,

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato