Les Roches: “Hotellerie, ecco come cambiano le regole dopo il Coronavirus”

“Stupisce per la velocità con cui ha avuto un impatto non solo sulla salute ma anche nell’industria”. Dimitrios Diamantis, presidente dei corsi di Laurea magistrale presso Les Roches international school of hotel management, commenta così gli effetti dell’emergenza Covid-19 sul settore dell’hospitality.

Tra le aree che vedranno forti cambiamenti nel breve termine, il mercato del lavoro e l’incoming,  che saranno sicuramente i più colpiti, ma vanno anche cercate nuove opportunità. “Questa situazione, tuttavia, potrà essere un trampolino di lancio per le nuove generazioni che hanno vissuto in prima persona la crisi e hanno sviluppato le competenze per affrontarla” spiega Johan Öström, esperto in trasformazione digitale e tecnologie per il settore dell’hotellerie.

“Ci sono segmenti che producono ancora profitti nonostante la situazione, mi riferisco a coloro che decidono di passare il periodo di quarantena tra i comfort di un hotel” afferma Soline Linh Le, project director di Vietnam Dental Tourism.

L’emergenza Coronavirus lascerà inevitabili strascichi anche sul design delle strutture che andrà modificato per rispondere a nuove esigenze, e il concetto stesso di pulizia cambierà radicalmente di significato. “D’ora in poi una camera non dovrà più essere solo pulita, ma igienizzata e disinfettata”, aggiunge Diamantis. Si apre anche un ulteriore interrogativo su come le strutture ricettive potranno offrire la stessa esperienza agli ospiti ora che il personale é ridotto al 20%: “Il valore del prodotto potrebbe diminuire in base alla disponibilità o meno di certi servizi” chiarisce Linh Le. Non manca però la speranza in un rilancio, Öström afferma “Una maggiore digitalizzazione, reattività e un pizzico di creatività potrebbero riportare l’hospitality al cuore dell’industria”.

Gwen Marletta

Tags: ,

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato