Iata: primi segnali di ripresa

La domanda di servizi aerei sta iniziando a riprendersi dopo aver toccato il fondo in aprile: a dirlo la Iata. La domanda di passeggeri ad aprile (misurata in Rpk), è precipitata del 94,3% rispetto ad aprile 2019, poiché le restrizioni di viaggio relative al Covid-19 hanno praticamente bloccato i viaggi aerei nazionali e internazionali. Si tratta di un calo mai visto nella storia delle serie di traffico dell'associazione, che risale al 1990.

Più recentemente, i dati mostrano che i voli giornalieri sono aumentati del 30% tra il punto più basso del 21 aprile e il 27 maggio. Ciò è vero principalmente nelle operazioni domestiche. Sebbene questo aumento non sia significativo per la dimensione globale del trasporto aereo, suggerisce che l'industria ha visto il fondo della crisi. Inoltre, è il primo segnale che dà il via al probabile lungo processo di ristabilimento della connettività.

Aprile è stato un disastro per l'aviazione poiché i viaggi aerei si sono quasi completamente fermati. Ma aprile potrebbe anche rappresentare il nadir della crisi. I numeri dei voli sono in aumento. I Paesi stanno iniziando a revocare le restrizioni alla mobilità. E la fiducia delle imprese sta mostrando miglioramenti in mercati chiave come Cina, Germania e Stati Uniti. Questi sono segnali positivi quando iniziamo a ricostruire il settore da un punto iniziale di immobilità. I germogli verdi iniziali impiegheranno del tempo – forse anni – a maturare", ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore generale e ceo della Iata.

La Iata ha calcolato che entro la prima settimana di aprile, i governi nel 75% dei mercati monitorati dall’associazione hanno completamente vietato l'ingresso, mentre un ulteriore 19% aveva restrizioni di viaggio limitate o requisiti di quarantena obbligatori per gli arrivi internazionali. Gli aumenti dei voli si sono concentrati sui mercati nazionali. Anche le ricerche di viaggi aerei su Google sono aumentate del 25% entro la fine di maggio rispetto al minimo di aprile, sebbene si tratti di un aumento da una base molto bassa e comunque inferiore del 60% rispetto all'inizio dell'anno.

Mercati internazionali

La domanda internazionale di passeggeri di aprile è crollata del 98,4% rispetto ad aprile 2019, in peggioramento rispetto al calo del 58,1% registrato a marzo. La capacità è scesa del 95,1% e il load factor è precipitato del 55,3 punti percentuali al 27,5%.

Il traffico di aprile delle compagnie aeree dell'Asia-Pacifico è crollato del 98,0% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, peggiorato da un calo del 70,2% a marzo. La capacità è scesa del 94,9% e il load factor si è ridotto di 49,9 punti percentuali al 31,3%.

La domanda di aprile dei vettori europei è crollata del 99,0%, in netto calo rispetto alla flessione del 53,8% di marzo. La capacità è scesa del 97% e il load factor si è ridotto di 58 punti percentuali al 27,7%.

Le compagnie aeree del Medio Oriente hanno registrato una contrazione del traffico del 97,3% ad aprile, rispetto a un calo della domanda del 50,3% a marzo. La capacità è crollata del 92,3% e il load factor si è sbriciolato al 27,9%, in calo del 52,9% punti percentuali rispetto al periodo dell'anno precedente.

I vettori nordamericani hanno registrato un calo del traffico del 98,3% ad aprile ampliato rispetto a  un calo del 54,7% a marzo. La capacità è scesa del 94,4% e il load factor è sceso di 57,2 punti percentuali al 25,7%.

Le compagnie aeree dell'America Latina hanno registrato un calo della domanda del 98,3% ad aprile rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, da un calo del 45,9% a marzo. La capacità è scesa del 97,0% e il load factor è sceso di 34,5 punti percentuali al 48,1%, il più alto tra le regioni.

Il traffico delle compagnie aeree africane è calato del 98,7% ad aprile, quasi il doppio rispetto al calo della domanda del 49,8% a marzo. La capacità si è ridotta dell'87,7% e il fattore di carico è sceso di 65,3 punti percentuali a solo il 7,7% dei posti occupati, il più basso tra le regioni.

Mercati domestici

Il traffico interno è sceso dell'86,9% ad aprile, con flessioni più accentuate registrate in Australia (-96,8%), Brasile (-93,1%) e Stati Uniti (-95,7%). Questo ha rappresentato un netto deterioramento rispetto a un calo del 51,0% a marzo. La capacità domestica è scesa del 72,1% e il load factor è sceso di 44,3 punti percentuali al 39,5%.

I vettori cinesi hanno registrato un calo del traffico del 66,6% su base annua ad aprile, poco cambiato rispetto a quello del 68,7% di marzo, ma in miglioramento rispetto al calo dell'85% di febbraio.

Il traffico interno delle compagnie aeree russe è sceso dell'82,7% ad aprile rispetto ad aprile 2019. La contrazione più lenta rispetto agli altri mercati è attribuibile alla successiva tempistica dei casi nel Paese.

Per l'aviazione, aprile è stato il nostro mese più crudele. I governi hanno dovuto intraprendere azioni drastiche per rallentare la pandemia. Ma questo si è accompagnato a un costo economico di una recessione globale traumatica. Le compagnie aeree saranno fondamentali per la ripresa economica. È di vitale importanza che l'industria aeronautica sia pronta con misure di biosicurezza in cui i passeggeri e i lavoratori del trasporto aereo hanno fiducia. Ecco perché la rapida attuazione delle linee guida globali Icao per riavviare in sicurezza l'aviazione è la priorità assoluta”, ha detto de Juniac.

"Supportiamo pienamente le sue raccomandazioni e non vediamo l'ora di lavorare con i governi per un'implementazione ben coordinata. Il mondo non può permettersi di ritardare ", ha concluso de Juniac.

Tags: ,

Potrebbe interessarti