Spiagge: la stagione parte con il segno meno

Sebbene le prenotazioni per luglio ed agosto facciano ben sperare, la stagione estiva 2020 inizia però con un segno meno, complici il covid-19 ed anche le condizioni atmosferiche non favorevoli, riporta Ansa.

A fotografare la situazione contingente è Antonio Capacchione, presidente del Sindacato Italiano Balneari aderente a Fipe Confcommercio, che asserisce: "Per gli imprenditori balneari la stagione estiva è iniziata in ritardo e con la concentrazione delle presenze nei fine settimana".

Numeri alla mano, risulta che le presenze rispetto allo stesso periodo del 2019 sono in calo in tutte le regioni. Le perdite più gravi sono in Sardegna pari ad un -80%, nel Lazio e in Molise il dato attesta un -75% e in Campania e Basilicata -70%.

Non sono più rosee le cifre del Friuli Venezia Giulia (-65%) o della Sicilia (-60%). La Calabria mette a segno un -55%, Veneto e Abruzzo -50%.

I cali per Liguria e Marche sono del 45%, mentre sono del 40% per Emilia Romagna e Puglia. In Toscana la flessione è del 30%, si legge sulla fonte. 

Tags: , ,

Potrebbe interessarti