Regno Unito, giù l’Iva sugli hotel e i servizi turistici: dal 20 al 5 per cento

La riduzione dell’Iva dal 20% al 5%  su attrazioni turistiche, alloggi e ristoranti. L’ha annunciata la Gran Bretagna, che ha inserito la misura nel suo piano di rilancio dell’economia e di sostegno del settore turistico.

Il cancelliere dello scacchiere Rishi Sunak (nella foto con il premier Boris Johnson) ha dichiarato che il governo spenderà 30 miliardi di sterline per tagliare le tasse e per impedire alla disoccupazione di distruggere l'economia. Intanto, durante il mese di agosto, tutti i ristoranti del paese applicheranno uno sconto del cinquanta per cento sui loro pasti, con la differenza a carico del governo.

Il provvedimento entrerà in vigore la prossima settimana per una durata di nove mesi, e si applica agli hotel, ai servizi e anche agli attrattori culturali e di svago. Pur non essendo un obiettivo dichiarato, è chiaro che la mossa intende anche convincere i sudditi di Sua Maestà a fare vacanze in patria, quest’anno, evitando il massiccio deflusso di valuta all’estero accaduto in altri anni.

Tags:

Potrebbe interessarti