Voucher: “Le adv li stanno riconvertendo”

Quanti voucher sono stati messi in circolo? E' la domanda che ci si pone verso uno strumento tanto dibattuto, al centro di polemiche e insoddisfazioni che continua a far parlare di sè. Non ultime le due procedure di infrazione che la Ue ha emesso verso l'Italia, ma non solo. 

E' un dato interessante che darebbe la portata numerica di questo strumento che comunque, come osservato in passato, ha dato ossigeno al comparto e che forse è l'unica misura concreta che ha aiutato un po' il settore in questo momento di grande difficoltà.

Lo abbiamo chiesto a Gianni Rebecchi, presidente di Assoviaggi, e a suo dire si tratta "di un dato difficile statisticamente da estrapolare", al momento, quindi, avere delle cifre non è facile, ma dai riscontri che dà il settore del turismo organizzato sembra di capire che lo strumento venga utilizzato. 

"I nostri viaggiatori sono in attesa di capire quando aprirà il lungo raggio per poter sfruttare i voucher, una buona parte – osserva Rebecchi – è per l'Italia tutta, ma ci sono anche mete quali Grecia, Spagna, Tunisia e Canarie. Per quanto riguarda le adv confermiamo che i voucher sono riconvertiti e che i viaggiatori li stanno utilizzando, così come il settore".

Il che dimostra che "c'è voglia di andare", sottolinea Rebecchi. Alla domanda come si orientino le richieste per l'Italia, il presidente attesta che "c'è richiesta per il Mare Italia" e le regioni sono quelle classiche dell'estate, "Puglia, Calabria, Sardegna, Sicilia".

Stefania Vicini 

Tags: ,

Potrebbe interessarti