Maldive, obiettivo mercato italiano

In una intervista esclusiva a Guida Viaggi, Thoyyib Mohamed, managing director di Maldives marketing & public relations corporation, ha parlato della graduale riapertura delle strutture dell’arcipelago, focalizzando l’attenzione sull’Italia che è il Paese europeo principale per l’incoming sulle isole e che sarà al centro della promozione nei prossimi mesi.
“L'Italia è il nostro più grande mercato di provenienza dall'Europa – ha dichiarato Thoyyib Mohamed -. Abbiamo svolto attività online e ci siamo focalizzati su messaggi di marketing rivolti ai turisti italiani per comunicare la nostra vicinanza in un momento così difficile”. Il Paese ha puntato sulle piattaforme digitali per raggiungere un pubblico più ampio promuovendosi in Italia e continuerà a farlo anche nei prossimi mesi: “Lavoreremo a stretto contatto con i migliori agenti di viaggio e tour operator per promuovere le Maldive nel mercato italiano e per incrementare gli arrivi dall'Italia”, ha aggiunto Thoyyib Mohamed.
Il turismo alle Maldive riprende in maniera graduale tra luglio e agosto: “Dal 15 luglio, dopo 3 mesi di chiusura, saremo pronti a accogliere di nuovo i turisti sulle nostre spiagge”, ha dichiarato Thoyyib Mohamed . “Ci aspettiamo che il turismo ricominci subito dopo l'apertura delle frontiere. Inizialmente, i resort, gli hotel e i liveaboard sulle isole disabitate saranno aperti per le prenotazioni a partire dal 15 luglio 2020. Le guesthouse e gli hotel situati nelle isole abitate, invece, saranno aperti a partire dal 1° agosto 2020”, ha aggiunto. Nei mesi di lockdown il Paese ha aumentato di molto la sua presenza sul web per promuoversi e mantenere i contatti con i turisti e continuerà a farlo anche nei prossimi mesi: “Dopo la chiusura delle frontiere, abbiamo lavorato per aumentare la nostra presenza sulle piattaforme digitali e online per raggiungere un pubblico più ampio. E nei prossimi mesi continueremo il nostro marketing digitale e online a livello globale per promuovere le Maldive come ambita meta turistica”, ha concluso Thoyyib Mohamed.
Il turismo, che rappresenta la più importante fonte di entrata in valuta estera per il Paese, ora riparte, ma con precise linee guida, contenute nel “Public Health Interventions to Prevent Covid-19 Transmission in the Tourism Sector”, per tutti i settori dell'industria turistica, definendo procedure operative standard, nonché informazioni importanti per i viaggiatori. In base alle normative in vigore, i visitatori non sono tenuti al pagamento di alcuna tassa aggiuntiva, nè a produrre un certificato o un risultato negativo del test per il Covid-19 prima dell'ingresso alle Maldive. Per i turisti senza sintomi, non c'è obbligo di quarantena.
Secondo le norme anti Covid, ovviamente, i viaggiatori che all'arrivo presentino invece sintomi di Covid-19 saranno soggetti a un test Pcr a loro spese e saranno inviati in una struttura designata per l'isolamento, che verrà effettuato presso una struttura di transito designata o presso il resort di destinazione del viaggiatore (a seconda della policy del resort). Se il risultato del test Pcr è positivo, il turista può continuare l'isolamento nel resort o essere trasferito in una struttura designata dallo stato. Nel caso di test negativo di un turista che è temporaneamente isolato in una struttura di transito, verrà rilasciato dall'isolamento e potrà viaggiare verso la località di destinazione. Anche se rilasciato dall'isolamento, un turista sintomatico dovrà seguire le misure restrittive nella frequentazione di luoghi pubblici come i ristoranti fino a quando i sintomi non saranno scomparsi.        

Tags: ,

Potrebbe interessarti