Interface Tourism Group: i francesi torneranno a Milano

Il capoluogo lombardo non perde il suo fascino per i francesi nonostante il difficile periodo della pandemia che ha messo in pericolo il turismo a Milano e nel mondo in generale, secondo l’analisi di Interface Tourism Group e Mabrian Technologies.

Dalla ricerca sembra che la Milano della movida, dell’architettura verticale, la città gourmand e della Design e Fashion Week sia ancora tra le destinazioni preferite dal mercato francese. Secondo lo studio i turisti d’Oltralpe sembrano essere già tornati a percepire livelli di sicurezza pre-Covid (Index Perception Security), hanno preferenze in termini di attività da fare in città e alcune fasce di età sono più inclini a tornare al più presto nella città meneghina.

“Sebbene i turisti e i viaggiatori d’affari possano essere ancora lievemente indecisi sull’opportunità di viaggiare a Milano, in Francia non esiste un particolare pregiudizio verso questa destinazione; l’importante è mantenere viva la comunicazione rispetto ai protocolli e le iniziative di tutela di cittadini e viaggiatori, esaltando quanto è stato fatto in termini di sicurezza dal punto di vista sanitario – commenta Gael de la Porte du Theil, Ceo di Interface Tourism France. “Generare il desiderio e l’attrattività di un luogo, mettendo in luce attività, appuntamenti e iniziative, continua ad essere fondamentale, in questo senso Milano dovrebbe puntare su i suoi asset principali che l’hanno resa una meta di fama mondiale come cultura, gastronomia e shopping, attirando così anche il target alto spendente. Ritengo in ogni caso che l’aspetto più importante sia dimostrare di essere pronti ad accogliere i visitatori e soddisfare le loro richieste ed esigenze, specialmente in termini di tutela della salute”.

“Il nostro Security Perception Index – spiega Chiara Caiati, Customer Success di Mabrian Technologies – misura il livello di sicurezza percepito dai visitatori e viene calcolato utilizzando tecniche avanzate di Pnl (programmazione neurolinguistica) che identificano il volume di menzioni negative relative alla sicurezza di una destinazione; quello di Milano per i viaggiatori francesi è finalmente tornato ai livelli pre pandemia, una buona notizia per la città. Dall’analisi appare chiaro che sono i turisti tra i 25-34 e i 35-44 anni ad essere i target più propensi a scegliere la città”.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti