Irlanda, Ornella Gamacchio nuovo direttore per l’Italia

È all’insegna della continuità legata ai risultati, frutto di un forte lavoro di squadra, il cambio al vertice di Turismo Irlandese: Niamh Kinsella ha passato, infatti, in questi giorni il testimone a Ornella Gamacchio, che da nove anni collabora con l’Ente, prima consulente stampa e dal 2019 come membro del team per le attività di relazioni pubbliche e ufficio stampa.

Ornella Gamacchio guiderà l’ufficio di Milano nel ruolo di nuovo direttore, forte di una capillare conoscenza di tutto il mercato irlandese e di una consolidata esperienza presso differenti enti del turismo stranieri, che l’ha vista operare per anni in qualità di marketing manager di Visit Britain e per il Seychelles Tourist Office.

Niamh Kinsella, sulla scorta dell’ottimo lavoro svolto in ambito italiano, per il prossimo periodo, condurrà il piano di ripresa del turismo irlandese dalla Germania, mercato tra i più importanti per l’intera isola.

Sotto la direzione di Kinsella, i flussi italiani verso l’Irlanda hanno fatto un vero e proprio balzo in avanti, segnando un forte incremento dei numeri che ha visto il Belpaese, a partire dal 2004, raddoppiare le presenze dei visitatori sull’isola, arrivando a occupare la quinta posizione nella classifica dei mercati internazionali (secondo i dati del 2019).

“È mio desiderio dare continuità a quanto fatto finora, con l’obiettivo traghettare il turismo italiano attraverso questo momento complesso e di riconsolidare il trend positivo quanto prima, sostenendo l’industria dell’offerta turistica irlandese e sul mercato italiano. Ora più che mai bisogna essere innovativi e c’è bisogno di pensare fuori dagli schemi. Questo faremo e sono certa che sapremo individuare nuove leve promozionali ed efficaci strumenti di marketing e comunicazione”, commenta Ornella Gamacchio.

Ornella Gamacchio continuerà a essere anche responsabile delle attività di comunicazione per l’Italia di Turismo Irlandese, coadiuvata dal team di turismo Irlandese e dall’agenzia di relazioni pubbliche At Comunicazione.

Tags:

Potrebbe interessarti