EasyJet, perdite maggiori del previsto

Dalla pubblicazione dei dati del quarto trimestre di easyJet è emerso che la compagnia chiuderà l’anno con una perdita che si aggira tra 815 e 845 milioni di sterline, cifra maggiore di quella prevista dagli analisti e superiore ai 900 milioni di euro.

Il vettore prensa di volare non olte il 25% della sua capacità nella stagione invernale e, nel terzo trimestre estivo, ha volato solo con il 38% della capacitò, con un load factor del 76,3%, con il fatturato totale che si è attestato a 620 milioni di sterline.

In Italia la compagnia sospende le basi di Napoli e Venezia fino a primavera: continuerà a volare su questi aeroporti ma con meno voli. A compesazione di queste chiusure, easyJet lancia l’apertura di una nuova base a Faro, in Portogallo.

La compagnia, che per sopravvivere alla crisi ha già avuto in prestito 600 milioni dal governo, ha tagliato 4.500 posti di lavoro e recuperato in parte con la vendita di aerei per altri 600 milioni, ma i media inglesi parlano già di nuove sovvenzioni in arrivo dal governo.

Vista l’attuale evoluzione della pandemia, easyJet si concentra ormai sulla stagione estiva per la ripresa.

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

Tags:

Potrebbe interessarti