Lufthansa, persi 1,2 miliardi in estate

Lufthansa ha illustrato i risultati economici per il terzo trimestre di quest'anno, registrando perdite per 1,26 miliardi di euro, un record per un'estate.

Oltre alla paralisi generalizzata della sua flotta, sia in Germania che nei paesi in cui è presente, questi dati sono legati al massiccio rimborso dei pagamenti effettuati dai clienti prima della crisi. In questo senso, questi compensi ammontavano a circa 2.000 milioni di euro.

L'azienda tedesca ha più di nove miliardi di euro che il governo tedesco le ha dato per la sua sopravvivenza, ma questa sovvenzione però sta rapidamente scomparendo perché nei primi nove mesi dell'anno la compagnia aerea ha già bruciato 4,2 miliardi e si sta rapidamente avvicinando a una situazione delicata. Il debito di Lufthansa è passato da 2.200 milioni prima della crisi a quasi 9.000 milioni ora. L'anno scorso, però, i tre mesi estivi hanno portato profitti per 1.720 milioni, in linea con l'andamento generale dell'aviazione in quei mesi di forte domanda.

La compagnia tedesca ha adottato misure severe per tagliare la flotta, ma queste non sono apprezzabili perché per la maggior parte i suoi velivoli rimangono a terra in attesa di chiarimenti sulle regole. La forte ripresa dei casi di contagio in Europa indica che l'inverno potrebbe essere notevolmente peggiore dei mesi passati.

Tags:

Potrebbe interessarti