Boeing taglia ancora: 7mila posti in bilico

Boeing, dopo essere stata alle prese con la messa a terra del suo velivolo più venduto, si trova ora ad affrontare un mercato dell'aviazione commerciale che non si riprenderà per almeno tre anni. A dirlo il ceo David Calhoun commentando i risultati del terzo trimestre della società.

Si tratta di una visione leggermente più ottimistica rispetto alle previsioni della Iata, secondo cui il settore non tornerà ai livelli di traffico del 2019 fino al 2024. Ma Boeing è incoraggiata dalla ripresa in Cina, dove il traffico nazionale si sta avvicinando ai livelli dello scorso anno. Il traffico passeggeri nazionale negli Stati Uniti, tuttavia, è solo al 49% dei livelli dello scorso anno e quello internazionale è solo al 12%. Tuttavia, la compagnia vede barlumi di speranza nel fatto chei vettori stiano ritirando gli aerei più vecchi e meno efficienti, ha detto Calhoun.

Boeing all'inizio di quest'anno ha dichiarato che avrebbe ridotto il personale del 10% e ha già effettuato tagli alla sua forza lavoro di quasi 20.000 dipendenti. Si prevede ora che altri 7.000 dipendenti lascino l'azienda attraverso una combinazione di uscite volontarie e licenziamenti entro la fine dell'anno. L'organico totale di Boeing sarà a quel punto di circa 130.000 dipendenti.

La compagnia si sta adeguando al mercato in calo moderando i suoi tassi di produzione di aeromobili. La famiglia B737 tornerà alla sua velocità di 31 velivoli al mese entro il 2022. Si prevede che la produzione di B787 scenderà da 10 al mese a sei al mese il prossimo anno, e gli aeromobili della famiglia B777 passeranno da cinque al mese quest'anno a due al mese l'anno prossimo. L'azienda ha inoltre consolidato la produzione di B787 presso il suo stabilimento in South Carolina. Boeing prevede che il B777X entrerà in servizio nel 2022, in attesa della revisione normativa.

Boeing è incoraggiata dalla revisione normativa del B737 Max: la Faa ha affermato che potrebbe ricertificare l'aereo entro la fine dell'anno e American Airlines sta già programmando questo aeromobile per i voli di dicembre. Boeing ha 450 B737 Max in deposito in attesa di consegna alle compagnie aeree.

Calhoun ha ammesso che la messa a terra del B737 Max è costata la quota di mercato dell'azienda. "Quando non produci un aereo per un anno e l'altro [Airbus] lo fa, subisci un grosso colpo per quanto riguarda la quota [di mercato]", ha sottolineato. Ha inoltre ammesso che l'A321 riempie una nicchia che Boeing non ha. La società tornerà a lavorare sul concetto di velivolo di fascia media Nma, ma non ha specificato quando.

Boeing ha registrato un fatturato del terzo trimestre di 14,1 miliardi di dollari, in calo del 29% rispetto allo scorso anno. La sua unità di velivoli commerciali ha registrato una perdita di $ 1,4 miliardi su $ 3,6 miliardi di entrate, in calo del 56% rispetto allo scorso anno. L’azienda ha consegnato 28 aerei commerciali nel trimestre, rispetto ai 62 dello stesso periodo dell'anno scorso. L'unità di difesa della Boeing ha registrato guadagni di 628 milioni di dollari su 6,8 miliardi di dollari di ricavi, in calo del 2% rispetto allo scorso anno.
 

Tags: , ,

Potrebbe interessarti