Dall’Unwto un nuovo codice internazionale

I turisti devono ricevere una maggiore protezione legale in quanto consumatori nell'ambito dei nuovi piani avanzati dall'Organizzazione mondiale del turismo (Unwto). Con il ripristino della fiducia come priorità fondamentale per il settore, il Codice internazionale per la protezione dei turisti avanzato dall'Unwto con il supporto di quasi 100 Stati membri, offrirà ai turisti colpiti da situazioni di emergenza un supporto più chiaro e più coerente a livello globale.

Nella sua prima riunione, il Comitato per lo sviluppo di un codice internazionale per la protezione dei turisti ha visto la partecipazione attiva di 92 Stati membri dell'Unwto. Insieme, hanno adottato un piano d'azione concreto per ripristinare la fiducia dei turisti attraverso un quadro comune e armonizzato. Nelle prossime settimane, le organizzazioni internazionali, la Commissione europea e stakeholder privati saranno chiamati a partecipare a questa iniziativa senza precedenti per raggiungere una condivisione più equa ed equilibrata di responsabilità tra tutte le parti interessate del turismo nel mondo post Covid-19.

Prima della riunione odierna, l'Unwto ha pubblicato le Raccomandazioni per l'assistenza ai turisti internazionali in situazioni di emergenza, gettando le basi per il Codice internazionale per la protezione dei turisti. Queste Raccomandazioni sono rivolte agli Stati e sono progettate per garantire che la responsabilità per i turisti in situazioni di emergenza sia condivisa equamente attraverso l'intera catena del valore del turismo, tra cui:

– prevenire possibili interruzioni elaborando piani di emergenza e protocolli di coordinamento e formando le parti interessate del turismo per assistere i turisti in situazioni di emergenza
– fornire informazioni in tempo reale ai turisti
– indirizzare la cooperazione transfrontaliera tra governi e fornitori di servizi turistici
– promuovere una stretta collaborazione tra governi e fornitori di viaggi e alloggi
– affrontare il rimpatrio effettivo dei turisti.

Il segretario generale dell'Unwto Zurab Pololikashvili ha dichiarato: “L'incertezza e la mancanza di fiducia nei viaggi sono tra le maggiori sfide che dobbiamo affrontare mentre lavoriamo per riavviare il turismo. Un codice internazionale per la protezione dei turisti sarà un passo fondamentale per affrontare questo problema. Stabilire una serie standard di standard minimi di protezione dei consumatori per i turisti aiuterà le persone a sentirsi più sicure e più fiduciose nei viaggi internazionali. E garantirà inoltre che la responsabilità di gestire le interruzioni causate da questa pandemia sia condivisa equamente in tutto il nostro settore".

Si prevede che un rapporto sullo stato di avanzamento dello sviluppo del Codice internazionale per la protezione dei turisti sarà presentato alla prossima assemblea generale dell'Unwto (fine 2021 a Marrakech, Marocco) per l'approvazione degli Stati membri.

Tags:

Potrebbe interessarti