La Spagna chiede il test Pcr negativo ai viaggiatori internazionali

La Spagna richiederà ai viaggiatori internazionali provenienti da Paesi considerati a rischio l’attestazione di test Pcr negativo entro le 72 ore precedenti all'arrivo in Spagna per poter entrare nel Paese. Questa misura si aggiunge ai controlli sanitari attualmente attivi per i tutti i passeggeri internazionali ai punti di ingresso. Pertanto, il controllo della temperatura e il controllo visivo vengono mantenuti.

Come novità, comunica l'ente del Turismo in una nota, il modulo di controllo sanitario che tutti i passeggeri devono compilare prima di entrare nel Paese, includerà d'ora in poi una domanda sul
fatto di essere stati sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio spagnolo, ad un test Pcr con risultato negativo. In qualsiasi momento, al passeggero può essere chiesto d’attestare il risultato del test. Il documento deve essere l’originale, scritto in lingua spagnola o inglese e può essere presentato in formato cartaceo o elettronico. Nel caso in cui il modulo non possa essere compilato elettronicamente tramite il sito www.spth.gob.es o l’app Spain Travel Health-SpTH e non venga generato il codice QR, potrà comunque essere presentanto in formato cartaceo prima dell’imbarco. In questo caso, dovrà essere acompagnato dell’attestazione in originale di essere stato sottoposto al test diagnostico con esito negativo.

I Paesi a rischio
Per la designazione delle aree o dei Paesi a rischio a cui sarà richiesto il test Pcr, nel caso di Paesi dell'Unione Europea e Paesi associati Schengen, si faranno riferimento ai criteri previsti dalla Raccomandazione UE 2020/1475, del 13 ottobre, su un approccio coordinato nella limitazione della libera circolazione in risposta alla pandemia Covid-19.
Per quanto riguarda i Paesi terzi, il riferimento di base sarà l'incidenza di base accumulata per 100.000 abitanti in 14 giorni, integrata con le capacità attuate come previste dalla normativa sanitaria internazionale, sulla base delle informazioni fornite dal Centro europeo per la prevenzione e Controllo delle malattie (Ecdc).

L'elenco dei Paesi a rischio verrà aggiornato ogni 15 giorni (sul sito del Ministero della Salute e SpTH) e verrà pubblicato 7 giorni prima dell’entrata in vigore con l'obiettivo di consentire ad aziende di trasporto, agenzie di viaggi e tour operator di comunicare in tempo ai loro passeggeri le informazioni aggiornate. Le agenzie di viaggi, i tour operator, le compagnie di trasporto aereo o marittimo e qualsiasi altro agente che commercializza biglietti devono informare i passeggeri
dell'obbligo di avere un Pcr con esito negativo per viaggiare. Questa nuova misura è conforme alla Raccomandazione UE 2020/1475, che cerca di porre fine alla disparità nei modelli di controllo sanitario implementati dai Paesi dell'Unione Europea.
La risoluzione che stabilisce questi nuovi controlli è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dello Stato (Boe) in data 12 novembre 2020 ed entrerà in vigore il 23 novembre 2020.

Tags: ,

Potrebbe interessarti