Lab Travel condivide i fondi con i personal voyager

Lab Travel Group ha annunciato la decisione di condividere i contributi a fondo perduto destinati dal decreto Ristori bis con la sua squadra di personal voyager formata da 120 agenti di viaggio professionisti in tutta Italia.

“La nostra è un’azienda fatta di persone”, hanno dichiarato Giulia Barroero e Michele Zucchi, amministratori di Lab Travel. “Per questa ragione il contributo assegnato, che ci auguriamo di ricevere al più presto, sarà destinato al 50% per ridurre la perdita di fatturato ed al 50% in favore dei personal voyager. Intendiamo supportare le figure commerciali che non sono state considerate nei vari decreti e in questo momento si trovano in grande difficoltà", hanno aggiunto gli amministratori.

Per raggiungere l’obiettivo, il gruppo ha messo in atto una serie di azioni volte a ridurre i costi fissi e di gestione: dalla revisione dei canoni di affitto delle filiali alla rinegoziazione delle condizioni bancarie, fino alla riduzione dei compensi per gli amministratori.

“In un momento così difficile, pensiamo sia equo e corretto condividere i contributi a fondo perduto erogati dallo stato con le persone che, insieme a noi, hanno raggiunto risultati brillanti in questi anni”, ha commentato Ezio Barroero, presidente di Lab Travel Group. “Nonostante la crisi, negli ultimi mesi i nostri personal voyager hanno portato avanti un grande lavoro di squadra che mi ha sorpreso e inorgoglito. La loro tenacia, unita all’impegno di tutto il team in sede, ci permetterà di ripartire presto, più forti di prima”, ha aggiunto Barroero.

 

 

Tags:

Potrebbe interessarti