Charter della neve: situazione incerta

La situazione dei voli per la neve all’Aeroporto di Torino, per quanto riguarda i charter, vede “circa l’80% del traffico che proviene da Uk. Il principale tour operator confermerà i voli con un anticipo di sole due settimane. Quindi se ci sono prenotazioni di volo+hotel si vola, altrimenti annulla – si fa presente dallo scalo -. Le destinazioni confermate al momento sono sei: Londra Gatwick, Manchester, Birmingham, Bristol, Dublino e Glasgow. Rispetto allo scorso anno non saranno collegate New Castle e Londra Stansted”.

Per quanto riguarda gli altri mercati, negli anni “si è molto sviluppato il traffico scandinavo, e qui, a fronte delle 5 rotte della scorsa stagione (Stoccolma, Helsinki, Göteborg, Oslo e Copenaghen) con frequenze plurisettimanali, il principale t.o. intende collegare Torino con la sola Stoccolma da gennaio 2021 fino ad aprile 2021”.

Quanto al fronte t.o. “tutti chiedono incessantemente informazioni su apertura impianti, norme di distanziamento, screening e tamponi”. Sul tema voli di linea, da alcuni anni si sono ampliati “i collegamenti di linea con una o due frequenze settimanali pensati per chi vuole fare la settimana bianca (da sabato a sabato o da domenica a domenica). Attualmente ci sono ancora voli in vendita, ma con frequenze ridotte. Rispetto allo scorso inverno, molti collegamenti, invece di partire a fine dicembre, partono a gennaio se non a febbraio. Unica novità il San Pietroburgo di Wizzair, disponibile da febbraio 2021”.

British Airways al momento riparte il 17 dicembre con 14 frequenze settimanali, arrivando anche a operare 3 voli al sabato e 4 la domenica, easyJet mantiene Bristol (da febbraio), Londra Gatwick, Londra Luton (da febbraio), con frequenze ridotte, ma non vola più su Manchester.
Jet2.com mantiene in vendita 2 destinazioni (Manchester e Birmingham, entrambe da febbraio) delle 4 che faceva.
Ryanair vola su Londra Stansted e Bristol (da gennaio), ma al momento non ha in vendita il Dublino, continua a volare su tutte le destinazioni italiane. Infine, Varsavia di WizzAir è regolarmente in vendita.
Non si nasconde che “la situazione è incerta, le premesse non sono buone perché i voli internazionali non hanno mai ripreso traffico durante l’anno”. Diversamente buone performance “potrebbero arrivare dal traffico nazionale, come questa estate. Se sarà possibile la mobilità tra le Regioni”.                           

Tags: ,

Potrebbe interessarti