Aeroporto di Milano Bergamo, un ruolo chiave nell’emergenza

Il presidente di Sacbo, Giovanni Sanga, coadiuvato dal direttore generale Emilio Bellingardi, ha analizzato recentemente nel corso di una conferenza on line l’anno che sta per concludersi per l’Aeroporto di Milano Bergamo, sottolineando Il ruolo dell’aeroporto nell’emergenza sanitaria, in particolare il supporto ai voli sanitari, governativi, umanitari. Importante funzione logistica dello scalo, a cui si lega la gestione del lockdown e della ripresa dei voli di linea tra maggio e giugno, con predisposizione delle misure di sicurezza che ha fatto riconoscere a SACBO, certificata nella prevenzione del rischio Covid-19, l’Airport Health Accreditation.

Nel suo intervento, Sanga ha rimarcato la solidità finanziaria della società, che ha permesso di affrontare il periodo di chiusura e il drastico calo del movimento passeggeri, salvaguardando i posti di lavoro attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali. Le risorse patrimoniali consistenti, a cui si sono aggiunti i 14 milioni di utili interamente accantonati nel bilancio 2019, e che permettono, pure a fronte di perdite nell’ordine di 25 milioni previste nel 2020, di proseguire le azioni di investimento infrastrutturale con una previsione di oltre 67 milioni nel 2021.

Prosegue nel pieno rispetto del cronoprogramma il cantiere sul lato ovest dell’aerostazione, che sarà ultimato tra un anno e consentirà di ampliare l’area dedicata ai voli Schengen, dopo l’avvenuta inaugurazione della nuova ala est dell’aerostazione, dedicata ai voli extra-Schengen, in occasione del cinquantennale di costituzione di Sacbo il 16 luglio 2020, quando è stato annunciato ufficialmente il collegamento ferroviario con l’aeroporto alla presenza della ministra dei trasporti Paola De Micheli e di Rfi.

Infine, il presidente Sanga ha confermato l’avvio della progettazione di un hotel 4 stelle da 200 camere che sarà realizzato nel 2022 in un’area di proprietà di Sacbo, che investirà nell’opera 20 milioni.

Tra gli ultimi dati di Sacbo, quelli relativi ai giorni dell’ultimo weekend prenatalizio, che segnano l’attesa, leggera ripresa del movimento passeggeri all’Aeroporto di Milano Bergamo, che resta in calo del 70% rispetto a un anno fa. Nella giornata di venerdì 18, con un totale di 121 movimenti aerei tra partenze e arrivi, sono previsti circa 12mila passeggeri. Intorno ai diecimila nella giornata di sabato 19, quando risultano programmati 98 movimenti aerei, che risalgono a 113 domenica 20 per una stima di 11-12mila passeggeri. Lunedì 21 dicembre sui 104 voli tra partenze e arrivi sono previsti tra 10 e 11mila passeggeri.

 

Tags: ,

Potrebbe interessarti