2020, l’anno in cui il mondo si è fermato

In una review dell'anno, l'Ectaa, l'Associazione europea degli agenti di viaggio e tour operator, ha descritto il 2020 come l'anno più catastrofico della storia dei viaggi. Con una media del -80% del fatturato, il valore delle attività raggiungerà appena i 40 miliardi di euro, rispetto ai 175 miliardi di euro del 2019. I viaggi sono stati resi impossibili a causa della chiusura delle frontiere e delle conseguenti restrizioni di viaggio scoordinate, contraddittorie e instabili che hanno scoraggiato i potenziali clienti a viaggiare e le travel company a ripartire.

La crisi di liquidità dei fornitori di servizi (compagnie aeree, hotel, eventi…) è stata trasmessa ai tour operator e alle agenzie di viaggio, che a loro volta non hanno potuto rimborsare i loro clienti e hanno emesso voucher. Si stima che a dicembre 2020 le compagnie aeree debbano ancora rimborsare alla distribuzione indiretta circa 7 miliardi di euro. In assenza di vendite a causa delle restrizioni di viaggio e delle misure sanitarie, molte compagnie sono state costrette a ridurre il personale, ricorrendo a programmi di disoccupazione temporanea o di licenziamento.

"Da tutti i Paesi – dice Pawel Niewiadomski, presidente Ectaa – riceviamo le stesse informazioni: nonostante tutti gli sforzi fatti dalle aziende e dal loro personale e nonostante il sostegno pubblico fornito all'industria, molte aziende potrebbero non riprendersi. Una condizione mai affrontata prima d’ora. Sono necessarie misure di sostegno continue per l'industria dei viaggi e del turismo, che è quella più colpita dalla pandemia".

In questo contesto, il coordinamento e le iniziative congiunte volte a sostenere la ripresa dei viaggi e del turismo sono essenziali. Ne è esempio, secondo Ectaa, la Greek National Tourism Organisation, che ha dato un forte impulso per ripristinare la fiducia dei consumatori e aprire il turismo alle imprese.

Da giugno, infatti, le autorità greche e le organizzazioni turistiche greche comunicano in modo chiaro con l'industria e i consumatori e attuano rigorosi protocolli di salute e sicurezza e grazie a politiche ben strutturate, la Grecia, nonostante tutte le difficoltà, è riuscita ad accogliere i visitatori in modo sicuro.

"L'Ectaa ha apprezzato la cooperazione con il Gnto che ha reso possibile vendere la destinazione in estate. L'attribuzione del titolo di leader mondiale del turismo 2020 da parte del World Travel Awards conferma la qualità del lavoro svolto dalla Grecia negli ultimi mesi", ha dichiarato Eric Drésin, segretario generale Ectaa.

Tags:

Potrebbe interessarti