Der Touristik taglia 253 posti di lavoro

Dopo il duro e drammatico impatto della pandemia Covid-19 sui risultati di Der Touristik nel 2020, il tour operator tedesco si sta già preparando a snellire la gestione del gruppo, lasciando un unico team a gestire tutti i prodotti di viaggio e a tagliare 253 posti di lavoro, secondo Ingo Burmester, ceo dell'azienda per l'Europa centrale (Germania, Austria e Svizzera).

Il secondo gruppo turistico della Germania ha ancora due sedi principali, e quindi strutture parallele, che sono il risultato della fusione di alcuni anni fa dei tour operator di Colonia Its e Jahn Reisen e dei marchi specializzati Dertour con sede a Francoforte e Weltreisen di Meier, che hanno lasciato il posto a Der Touristik Germany.

Dopo il drammatico impatto della pandemia, Ingo Burmester sta ora lavorando per razionalizzare il business del tour operator tedesco con un unico team di gestione per tutti i prodotti di viaggio. Con questa ristrutturazione Sven Schikarsky, ex capo dell'area Sun and Beach Holidays, diventerà il direttore prodotto del tour operator. Nel frattempo, il nuovo dipartimento 'One Marketing' sarà guidato da Matthias Lange, che guidava già Der Touristik Online

Con questa ristrutturazione, il team di gestione sarà ridotto di 14 persone. Anche il numero dei dipendenti sarà tagliato: verranno eliminati 253 posti di lavoro a tempo pieno, anche se Der Touristik mira a ottenere questa riduzione attraverso uscite volontarie.

"Siamo molto dispiaciuti di dire addio a così tanti colleghi esperti che sono stati con noi per così molto tempo, ma le enormi restrizioni di viaggio derivanti dalla pandemia Covid-19 non ci lasciano altra scelta", ha detto Burmester. Il manager ha anche spiegato che gli obiettivi principali di questa ristrutturazione sono l'eliminazione delle strutture storiche parallele, il miglioramento dei processi di gestione e l'accelerazione della digitalizzazione. Burmester non è comunque troppo ottimista: "Nonostante questo, non ci aspettiamo una piena ripresa nel mercato dei viaggi nel 2021".

Tags:

Potrebbe interessarti