Viaggi e turismo: meno private equity, più fusioni e acquisizioni

Il settore dei viaggi e del turismo ha registrato un calo del 9% nell'attività delle trattative a dicembre 2020. A rilevarlo è GlobalData.

Numeri alla mano si è trattato di un totale di 81 offerte annunciate nel settore durante lo scorso mese. La cifra è in calo rispetto alle 89 offerte annunciate durante il mese precedente, sottolinea la società di dati e analisi.

Aurojyoti Bose, lead analyst di GlobalData, ha sottolineato che il "settore dei viaggi e del turismo rimane uno dei più colpiti a causa della pandemia, ora i timori di una seconda ondata sembrano avere un impatto sull'attività degli affari all'interno del settore. Dopo aver mostrato alcuni miglioramenti nel mese di ottobre, l'attività delle operazioni è precipitata a novembre e dicembre".

A diminuire sono gli annunci di accordi chiave come private equity, offerte di azioni, offerte di debito e partnership, mentre è aumentato il numero di finanziamenti di rischio e fusioni e acquisizioni (M&A).

L'attività delle trattative è diminuita in mercati chiave come Francia, Giappone e India nel mese di dicembre, mentre Stati Uniti e Cina hanno mostrato miglioramenti.

Tags:

Potrebbe interessarti