Germania: il travel chiede una task force per la ripresa

Una task force per sviluppare una strategia di ripresa per il settore è ciò che chiedono in Germania agenti di viaggi, tour operator e società turistiche, dopo che l'attuale blocco nazionale è stato esteso fino a metà febbraio, come scrive Fvw.

Il governo tedesco e i premier regionali hanno concordato martedì che le restrizioni di blocco per il  Covid-19 dovrebbero continuare almeno fino al 14 febbraio a causa dei continui alti livelli di infezioni in tutto il Paese.

Le misure chiave includono limiti rigorosi ai contatti personali, mascherine obbligatorie sui trasporti pubblici e la chiusura continua della maggior parte dei negozi (comprese le agenzie di viaggi), delle scuole, dei ristoranti e dei caffè, oltre al lavoro in smartworking ove possibile.

In risposta all'estensione del blocco, quattro associazioni di viaggi e turismo tedesche hanno accolto con favore i piani iniziali del governo di riaprire l'economia e hanno chiesto la creazione di un gruppo di lavoro speciale per sviluppare una strategia per il settore del turismo, compresi i viaggi nazionali e internazionali. "È positivo che il governo federale e gli stati regionali si stiano finalmente muovendo verso una strategia di apertura. L'industria del turismo ha chiesto da tempo un piano chiaro e offre la sua assistenza", hanno dichiarato l'Associazione tedesca del turismo (Dtv), l'associazione tedesca dell'industria dei viaggi (Drv), l'associazione degli operatori di autobus Rda e l'associazione dei negozi di viaggi online Vir.

Allo stesso tempo, hanno però mosso alcune critiche, mettendo in luce che, "nonostante tutte le richieste e le offerte di colloquio avanzate dall'industria del turismo, il governo non ha ancora nulla da mostrare in termini di riavvio. Dal primo blocco (nella primavera del 2020) abbiamo chiesto un task force composta da politici ed esperti del settore, nonché un vertice sul turismo".

Dal canto loro le associazioni sono convinte che "sarà di nuovo possibile viaggiare in sicurezza dopo la seconda ondata di Coronavirus con un piano concordato che includa una quarantena ragionevole e strategie di test, norme igieniche e protettive chiare e una visione differenziata dei singoli segmenti turistici".

I viaggi di piacere in Germania sono attualmente impossibili a causa delle restrizioni, che includono la chiusura di hotel e altri alloggi. I viaggi internazionali rimangono limitati dalle restrizioni all'ingresso, dai regolamenti sui test di quarantena e Covid-19 e da altre misure.

Tags: , , , ,

Potrebbe interessarti