Fto, Franco Gattinoni è il nuovo presidente

“Raccolgo il testimone, con la consapevolezza dei risultati ottenuti negli ultimi anni dalla nostra associazione e con l’impegno di assicurare fin da ora continuità nella gestione”. E’ questo il primo virgolettato di Franco Gattinoni da neo presidente di Fto: il Consiglio nazionale della Federazione Turismo Organizzato l’ha infatti eletto a seguito delle dimissioni di Luca Patanè, che da oggi affiancherà Stefano Dall’Ara nel ruolo di vicepresidente.

La resilienza del 2020
“Nel 2020 – dichiara Gattinoni – ho dedicato molte energie alle attività della Federazione con l’obiettivo di contribuire al raggiungimento di risultati indispensabili per la sopravvivenza e la crescita della nostra filiera. Con il Manifesto del Turismo Italiano abbiamo fatto conoscere alle istituzioni il ruolo, il peso e il valore delle agenzie di viaggio e del turismo organizzato. Grazie alla nostra azione politica sono stati raggiunti risultati economici importanti, forse insperati solo pochi mesi fa, che tuttavia necessitano ancora di correttivi e integrazioni. Il lavoro è appena iniziato…”

Un 2021 tutto da disegnare
Quanto al programma per i mesi a venire, "serviranno sostegni economici ma sarà fondamentale disegnare anche un percorso condiviso per ripartire con le nostre attività. La credibilità istituzionale e il peso politico guadagnati in questo anno non possono che rappresentare una base di partenza per il futuro, nel quale rafforzare il gioco di squadra con le altre associazioni e intensificare il lavoro di rappresentanza associativa a livello politico e istituzionale. Ma serviranno anche innovazione, formazione e presenza sul territorio. E’ indispensabile lavorare sui progetti per la ripartenza del settore, mettendo al centro il turismo organizzato e conferendogli un ruolo da protagonista nel rilancio del turismo italiano”.

Patané: "Resto in campo a fianco del mio successore"
Luca Patanè, per parte sua, si è detto "estremamente fiero dell’esperienza fatta in questi anni come presidente di Fto e di essere stato tra i soci fondatori sin dal suo atto costitutivo. Un’associazione che abbiamo fortemente voluto, di rilevanza nazionale che quando l’abbiamo fondata nel 2008 era composta da 19 soci e adesso ne conta oltre 60 nazionali, con molti dei principali attori del turismo organizzato. In questi anni, durante la mia presidenza, abbiamo assistito a una trasformazione totale del turismo e siamo riusciti ad accogliere e anticipare i cambiamenti facendoci trovare sempre pronti, diventando così un punto riferimento per i nostri soci, per il mercato e per le istituzioni".

Poi Patané ricorda come "con le agenzie di viaggi abbiamo svolto un lavoro importante soprattutto durante il passaggio da Federviaggio a Fto, quando abbiamo allargato la base ai soci territoriali con l’obiettivo di farli crescere il più possibile".

Quanto al futuro, il patron del Gruppo Uvet promette che "continuerò a seguire le battaglie di Fto nel consiglio direttivo come vicepresidente, anche in luce dello scenario e delle sfide che ci aspettano nei prossimi mesi. Personalmente, l’impegno in Fto mi ha permesso una crescita professionale fondamentale. Rimane ovviamente molto da fare, ma siamo sulla strada giusta e questa eredità importante so di lasciarla in ottime mani come quelle del prossimo presidente, Franco Gattinoni”.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti