BWH, tre linee strategiche per ripartire

Tre linee strategiche per il rilancio nel 2021. E’ questo il piano di Bwh Hotel Group Italia, che come primo pilastro pone la crescita della solidità finanziaria che “mantenendo l’essenza distintiva della società cooperativa – si legge in una nota della società – è stata conseguita con un’operazione di aumento di capitale sociale” da parte dei soci, approvato nell’ottobre 2020 e ad oggi interamente versato.

“Questo progetto è nato durante l’estate insieme al nostro cfo Gianmarco Ricci, a seguito dell’uscita del decreto legge ‘Rilancio’ in un momento di studio, riflessione e preparazione per i mesi autunnali –- dichiara Walter Marcheselli, presidente di Bwh Hotel Group Italia –. Si tratta di un’opportunità cruciale sia per il nostro gruppo sia per il nostro settore. Abbiamo voluto coglierla con tutto l’impegno dovuto e i nostri soci hanno risposto con grande partecipazione. È una manovra strategica che ci permetterà di affrontare più forti il 2021”.

La seconda priorità riguarda l’integrazione e il potenziamento dei servizi strategici per i soci. La direzione del gruppo ha infatti riallocato le risorse nelle aree capaci di generare un concreto vantaggio competitivo agli affiliati: sales, marketing, revenue, digital attività strategiche alla ripresa del mercato, con una novità per SI Supply, che dopo un’esperienza da società autonoma tornerà sotto il controllo di Bwh "con l’obiettivo di dare nuovo impulso al procurement e nuovi vantaggi agli affiliati. La razionalizzazione delle divisioni aziendali accresce il coordinamento e ripone focus e competenze sulle attività a maggior valore aggiunto per gli hotel". “La priorità per questa divisione sono le relazioni con le aziende partner, nodali per assicurare vantaggi agli hotel – afferma Giovanna Manzi, ceo di Bwh Hotel Group –. Siamo infatti in piena fase di rivalutazione degli accordi con i fornitori con l’obiettivo di creare reciproco valore, personalizzando l’approccio e diversificando la gamma di soluzioni di collaborazione proposte”.

A completare la strategia per il 2021, l’impulso sull’attività di sviluppo del network, cruciale per un gruppo come Bwh Hotel Group, primo in Italia con 190 hotel e proiettato verso un’ulteriore crescita con iniziative di incentivo all’affiliazione in questo particolare momento. “In questi mesi, gli hotel indipendenti italiani hanno sofferto più di quelli a brand e meritano, in questa fase, supporto dedicato. Possono tornare a crescere con l’appoggio di un grande network, fatto di albergatori, con esperienze, competenze e connessioni d’eccellenza per competere sul mercato nazionale ed internazionale. Un gruppo più numeroso sarà così un gruppo più forte", commenta Manzi.

"Le condizioni di affiliazione – continua la nota – per gli hotel che decideranno di unirsi al gruppo entro giugno 2021, presentano significativi vantaggi economici attraverso una campagna incentivi.
Le migliori condizioni concesse tengono conto delle difficoltà contingenti del settore e riducono le fee di affiliazione, con un impegno contrattuale da parte dell’hotel limitato a 5 anni, consentendo agli albergatori la massima flessibilità nelle valutazioni, rispetto ai più lunghi impegni richiesti dai competitors".

“L’incentivo varrà per tutte le nostre formule di affiliazione: dal brand sotto il cappello Best Western alle Collection, con le soluzioni Worldhotels e Sure Hotels. È il nostro modo di sostenere il settore e di sviluppare un mercato che, se frammentato, resta debole”, conclude Manzi.

Ulteriore novità è rappresentata dall’offerta WorldHotels con il brand WorldHotels Crafted: una soluzione "contemporanea e cool" per imprenditori alberghieri che credono nella creatività, nell’arte e vogliono regalare ai loro ospiti tutto lo spirito e l'atmosfera delle destinazioni. In Italia il primo hotel a scegliere questo marchio è ODSweet Duomo Milano Hotel, 4 stelle in Piazza Duomo nel capoluogo lombardo.

Tags:

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato