Viaggi d’affari: le sfide del 2021

Con le speranze riposte nella vaccinazione, il settore del turismo è fiducioso che in pochi mesi le restrizioni alla mobilità saranno tolte, o almeno attenuate, e i viaggi potranno riprendere. Il segmento leisure sarà il primo a decollare, secondo le previsioni di diverse realtà, mentre il segmento aziendale avrà bisogno di più tempo. Ma una volta che ritorneranno, i viaggi d'affari diventeranno più responsabili, sostenibili, sicuri e saranno guidati dalle nuove tecnologie, secondo gli esperti di Sap Concur. Il segmento riprenderà gradualmente quest'anno e queste saranno le caratteristiche principali:

Aumento delle preoccupazioni per la salute. Le aziende richiederanno ai loro dipendenti di rispettare le linee guida del governo, come le quarantene prima e dopo il viaggio. L'uso di mascherine sarà mantenuto e sarà richiesta durante il viaggio la documentazione che provi il rispetto delle regole. Secondo Sap Concur, le principali preoccupazioni dei dipendenti a livello globale sono quelle di infettare le famiglie (55%) o se stessi (53%) durante un viaggio di lavoro.

La sostenibilità sarà di primaria importanza. I viaggiatori chiedono sempre più spesso che i propri spostamenti siano rispettosi dell'ambiente, da una disposizione dei posti a sedere più efficiente al carburante per l'aviazione a basse emissioni di carbonio. Il rapporto cita, come esempio, l'acquisto da parte di Microsoft di carburante sostenibile per l'aviazione per ridurre l'inquinamento sui voli più utilizzati dai suoi dipendenti.

Entro il 2021, i viaggiatori passeranno più tempo nelle loro destinazioni; useranno carte d'imbarco digitali e app per la gestione degli itinerari. Inoltre, opteranno per ristoranti che offrono cibo di provenienza locale e utilizzeranno hotel che sono più rispettosi dell'ambiente. Cercheranno anche soluzioni che tracciano e compensano facilmente le emissioni.

La trasformazione digitale accelererà significativamente. Molte aziende erano nelle fasi iniziali e intermedie di questo processo quando è scoppiata la pandemia.

L'automazione sarà essenziale, soprattutto finché le aziende manterranno modelli ibridi di lavoro a distanza. Sempre più società si affideranno agli algoritmi dell’intelligenza artificiale per prendere decisioni rapide. Ciò include la gestione delle spese in tempo quasi reale per migliorare il budget e la gestione della cassa, aumentare la conformità, eliminare gli errori e massimizzare la redditività.

La sicurezza dei dipendenti non sarà solo compito delle risorse umane. Coinvolgerà altri settori, come quello dei viaggi, che sono più che mai sotto pressione per garantire la salute e la sicurezza dei dirigenti in viaggio.

Soggiorni più lunghi. I viaggi veloci non saranno più così tanto accessibili ai viaggiatori d'affari come lo erano pre-pandemia. I soggiorni più lunghi saranno un'opzione popolare sia per il business travel che per il leisure.

I passaporti sanitari digitali e i corridoi di viaggio si diffonderanno. Le vaccinazioni aumenteranno la fiducia dei viaggiatori, dei fornitori e del governo. Ci si aspetta che i test rapidi diventino più accurati e diffusi, permettendo all'industria di riaprire.

Le medie e piccole imprese continueranno a tagliare. La distribuzione dei vaccini non sarà sufficiente per molte Pmi che lottano per sopravvivere. Molti avranno la capacità di creare una domanda sostenuta da investimenti in soluzioni tecnologiche che aiutano a risparmiare sui costi.

Cambierà il modo in cui si fanno gli affari. La pandemia ha creato un nuovo contesto per il commercio: le lacune nel mercato hanno creato opportunità per nuove imprese. Più Pmi adotteranno il commercio digitale, creando nuove opzioni per le persone per "comprare locale".

Tags:

Potrebbe interessarti