L’estate a tutto Mediterraneo: il 2021 secondo Leonardo Massa

Volontà di ripartenza, prossimità estiva anche per chi sceglie le crociere, importanti segnali di ripresa della domanda e ottimismo sulla tenuta del “sistema crociere” come unica zona verde d’Italia e altrettanto unica vacanza certificata Covid-free. Sono questi gli elementi del 2021 del cruise secondo Leonardo Massa, country manager Italia di quella Msc crociere che per prima ha rimesso le navi in mare, appena il succedersi dei Dpcm l’ha reso possibile, per una seconda ripartenza “dopo quella del 16 agosto del 2020, quando siamo stati i primi al mondo a ripartire – con Grandiosa – e a navigare ininterrottamente fino al 20 dicembre”.

Grazie, naturalmente, al “nostro protocollo sanitario, che ci ha permesso di accogliere a bordo, da agosto 2020, oltre 30 mila passeggeri” e che prevede “lo screening universale di tutti gli ospiti e i membri dell’equipaggio prima dell’imbarco tramite tampone Covid-19 antigenico, l’igienizzazione di tutti i bagagli, misure igienico-sanitarie e di pulizia rafforzate in tutta la nave, il distanziamento sociale a bordo e l’uso di mascherine – fornite quotidianamente dalla compagnia – nelle aree pubbliche”.

E se il 2020 “è stato un anno difficilissimo per tutto il turismo, e anche per noi, con sole due navi operative su 17 e le altre ferme in altre aree del pianeta”, il 2021 si è aperto con “segnali importanti sulla propensione degli italiani a prenotare le loro vacanze per l’estate: una wave in tal senso c’è. Saranno certamente vacanze diverse, c’è grande attenzione per i prodotti dell’area Mediterranea e immagino un turismo di prossimità, con Nord Europa e Caraibi molto più a rilento.

“Siamo la vacanza più certificata e più sicura, allo stato attuale”, rimarca Massa, che sui canali di vendita spiega che “l’osmosi con le adv non si è mai interrotta, abbiamo avuto centinaia di adv ospiti in ogni singola partenza degli scorsi mesi, e poi il restart è stato possibile, anche per le partenze sottodata, anche grazie al loro supporto. Anche in questa seconda ripartenza e per l’estate, le adv continuano a essere il principale canale distributivo. I clienti si sono abituati di più agli acquisti online, certamente, ma ci sono molte adv che presidiano ottimamente il canale, quindi non vedo un drammatico cambio nelle quote di vendita delle adv, ma solo eventualmente nelle modalità. Anche una storia su Instagram può far decidere un cliente a prenotare”.

Sarà quindi un Mediterraneo affollato, quello dei prossimi mesi,  visto l’imporsi dei viaggi di prossimità? “Non credo che ci saranno più navi rispetto al 2019, ma la presenza di Msc nel Mediterraneo sarà più forte. Arriveranno anche due nuove navi, la Virtuosa e la Seashore, che daranno certamente ulteriore impulso alle vendite. Sarebbe un azzardo immaginare dei numeri per il 2021, ma l’auspicio è essere operativi con 19 navi, anche se l’attuale protocollo prevede un 70% di riempimento massimo e quindi è prematuro sbilanciarsi sui volumi”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti