Alitalia-Ita: passo avanti sulla discontinuità

Un passo avanti sul tema discontinuità Alitalia è stato fatto. A quanto riporta Il Sole-24 Ore la discontinuità sarà individuata “in tempi brevi”. E’ quanto emerso dalla videotelefonata a cui hanno preso parte i tre i ministri dell’Economia, Daniele Franco, delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, e dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, e la commissaria europea alla Concorrenza, Margrethe Vestager. Anche se, al momento, non si è giunti ancora ad un accordo o ad una soluzione, il passo avanti fatto è che non esiste più il muro contro muro che vi era durante il precedente governo con Bruxelles, che, come si ricorderà, non aveva dato il suo ok al piano per il passaggio di metà Alitalia in Ita.

La nota congiunta dei tre dicasteri riporta di “un confronto su Ita e Alitalia, con l’obiettivo di individuare in tempi rapidi una soluzione”. La “commissaria Ue e i ministri hanno sottolineato la necessità di procedere nel segno della discontinuità”.

Adesso il confronto tecnico sarà avviato questa settimana “per valutare nel dettaglio le possibili soluzioni volte a garantire che il nuovo vettore aereo nasca al più presto nel rispetto delle procedure del diritto nazionale ed europeo”.

Sembra, però che non sia stato chiarito cosa si intenda con il termine “discontinuità”. L’interpretazione più diffusa – scrive il Sole – è che l’intenzione sia quella di creare una nuova società, cioè la newco pubblica Ita, con un Cda, 39 dipendenti e diversi consulenti. Inoltre, Ita dovrebbe ricevere solo una parte delle attività di Alitalia. Secondo indiscrezioni, sarebbero una parte delle attività di volo di Az, pari a circa 45 aerei e 4.500 dipendenti. Resta da chiarire come avverrà il trasferimento.

Tags: , , , , ,

Potrebbe interessarti