Euphemia investe sulle soft skill
Il contesto attuale ha una influenza anche sui contenuti legati alla formazione. Prova ne è il fatto che le realtà del turismo stanno investendo anche in nuovi ambiti, facendo leva sulle soft skill. Per esempio Euphemia, rete di 120 consulenti di viaggio operativi in tutta Italia, punta sulla formazione, affiancando ai tradizionali programmi dedicati ai prodotti e alle tecnologie del turismo un corso di nuova concezione, per fornire ai consulenti di viaggio gli strumenti utili nel compito di gestire le relazioni con i clienti.
Il progetto si concentra su un insieme di soft skill diventate ormai imprescindibili per l’agente di viaggi, a cominciare dalla capacità di entrare in empatia con il cliente e instaurare una comunicazione efficace e di valore. Saper anticipare e affrontare le critiche in maniera produttiva, imparare a gestire lo stress e utilizzare le più evolute tecniche di storytelling per raccontare in maniera efficace e coinvolgente le destinazioni.
L’obiettivo del corso, sviluppato in collaborazione con Hospite, società di formazione specializzata nel settore dell’ospitalità e del turismo, è quello di fornire un bagaglio di competenze fondamentali ai consulenti di viaggio, alle prese con clienti sospesi tra la voglia di viaggiare, che è rimasta sempre altissima, e un bisogno di certezze e rassicurazione.
Se il vantaggio garantito dalla filiera del turismo organizzato sarà la sicurezza e l’affidabilità delle soluzioni di viaggio proposte, altrettanto importante sarà, per gli operatori a contatto con il pubblico, essere in grado di trasmettere gli stessi valori attraverso la comunicazione, prestando attenzione anche agli aspetti non verbali.
Il corso, gestito da Michele Prete e Nicola Bolzan, entrambi trainer con esperienza formativa sul campo, si svolgerà online tra marzo e aprile e prevede una serie di attività sviluppate ad hoc per i consulenti di viaggio, compresi role playing e coaching on the job.
“Questo corso si inserisce nell’ambito dell’impegno di Lab Travel Group verso la formazione continua dei consulenti di viaggio – spiega Marta Barroero, responsabile comunicazione Lab Travel Group cui fa capo Euphemia -, grazie al coinvolgimento di diversi reparti interni: prodotto, biglietteria, marketing, comunicazione e social media, solo per fare alcuni esempi. Adottiamo un approccio personalizzato per ogni consulente, perché sono tutti professionisti affermati con anni di esperienza alle spalle. Quando entrano in Euphemia analizziamo le loro peculiarità e lavoriamo insieme puntando su ciò che li caratterizza, per esaltare i loro punti di forza e dare valore alla specifica individualità di ciascuno”.
Tags: , ,

Potrebbe interessarti