Isaholidays, passaporto per la natura

Divertimento, sicurezza, alloggi individuali, comfort e tecnologia, formazione e sport. Il tutto a portata d’auto e in stretta relazione valoriale con il territorio e le sue eccellenze paesaggistiche, ambientali, culturali.

“La nostra proposta è il villaggio a 5 stelle – spiega Silvia Pagnan, sales manager Isaholidays -, la vacanza ecoturistica e naturalistica nelle nostre mobile home di design, dalle dimensioni ridotte e al tempo stesso confortevoli, oppure in perfetto stile glamping, nelle tende safari arredate. Abbiamo riscosso una risposta molto favorevole la scorsa estate grazie al fatto che la nostra tipologia di vacanza risponde ai requisiti che oggi le persone cercano”.

“Offriamo uno staff di professionisti e una struttura all’avanguardia – precisa Uccio Cavalieri, direttore Isamar Holiday Village di Isolaverde di Chioggia – che quest’anno abbiamo arricchito con una nuova area ricevimento coperta con raddoppio delle postazioni di check-in e, nel caso servisse, lo spazio per il pre check-in sanitario. Abbiamo completato la grande area parco giochi e la zona sportiva, con campi minigolf, basket, pallavolo, calciotto e calcetto dove i ragazzi potranno vivere momenti magici con i grandi professionisti dello sport. La ristorazione sarà firmata Isamar al 100% perché riteniamo che anche il buon cibo contribuisca a rendere indimenticabile la vacanza”.

Per Mauro Bressan, responsabile Scuola Calcio del villaggio, “lo sport è un elemento decisivo nella scelta della vacanza. Offriamo lezioni gratuite di calcio per i bambini alla mattina mentre al pomeriggio ci sono le partite per tutti gli ospiti e corsi collettivi e lezioni individuali di tennis. La novità saranno quest’anno i campus sportivi per ragazzi dai 10 ai 16 anni, cui offriamo l’opportunità di una vacanza in sicurezza, formativa e socializzante”.

Sulla stessa linea Mauro Bergamasco, responsabile Camp Rugby e volley, che spiega come “l’attenzione non sia posta solo sull’apprendimento della tecnica ma sullo sviluppo della personalità, non solamente performance ma crescita individuale. Ai ragazzi diamo l’opportunità di condividere attività sportiva e momenti di riflessione”.

Altro fiore all’occhiello è l’Isamar Diving Center gestito da Devy Mantovan.
“I corsi sub per tutti i livelli nel Parco marino dell’Adriatico portano alla scoperta di una vita acquatica ricchissima, delle unicità di questi fondali, come le tegnue, e di affascinanti relitti. Il diving è all’interno del villaggio e collaboriamo con il Wwf nel salvataggio di animali in difficoltà”.

Il Delta del Po, da un decennio biosfera Unesco, patrimonio unico di storia e natura, ospita il villaggio di Barricata.
“Una spiaggia chilometrica, un parco piscine perfettamente integrato, offerta food & beverage di qualità, 400 unità abitative in continua trasformazione per mantenere lo standard elevato. Il nostro glamping pone massima attenzione ai particolari – racconta Stefano Grandi, direttore Barricata Holiday Village -. Le nuove proposte comprendono le tende safari lusso loft e boutique, perfette per una vacanza con tutti i comfort ed ecofriendly. I punti di forza sono infatti i grandi spazi aperti e i materiali ipertecnologici, garanzia di una vacanza alternativa ma comoda e attraente. Le nostre proposte sono tutte integrabili con servizio spiaggia, mezza pensione o completa e a disposizione anche di gruppi”.

A Barricata opera il diving di Graziano Servello, che coniuga le immersioni “alle escursioni in barca, ideali per visitare il Delta, e in bicicletta, city o mbt, a seconda delle richieste e della destinazione. Perfetto l’abbinamento bike & boat e gli aperitivi al tramonto in mezzo alla natura”. “E gli amici pelosi sono ospiti graditi tanto al villaggio quanto al diving”, aggiunge.

Last but not least, il Ranch del Mare di Chiara Angelini, circolo ippico all’interno del villaggio.
“Dal neofita al professionista, dalla scuola alle passeggiate con grande attenzione ai bambini”, spiega l’istruttrice federale. “La nostra spiaggia è accessibile tutto l’anno e il cavallo non disturba gli animali selvatici, che possono così essere avvistati più facilmente. Visitare il Parco in sella consente un pieno contatto con la natura. Da quest’anno abbiamo anche un maneggio coperto e, opzione interessantissima, gli ospiti del villaggio possono portare in vacanza anche il proprio cavallo”.

“Dal 1971 lavoriamo per anticipare le tendenze, ampliare l’offerta e crescere. Non mancano i progetti nel cassetto – conclude Pagnan – con un villaggio ecochic in Veneto e un’altra struttura in Toscana. Siamo il passaporto per la natura”.

Paola Olivari

Tags: ,

Potrebbe interessarti