I piani di Ávoris: una rete di adv e un vettore

Tra i piani di Ávoris Corporación Empresarial, società nata dalla fusione tra le agenzie di viaggi Barceló e Globalia, che ha ricevuto il sostegno finanziario pubblico di 320 milioni gestito da Sepi, c’è quello di creare una compagnia aerea con sede nella Repubblica Dominicana.

“Siamo concentrati sul mercato spagnolo e crediamo di poter crescere in Spagna, ma anche in altri Paesi europei come Italia, Francia o Germania con un modello simile a quello del Portogallo, dove abbiamo una rete di uffici, tour operator e compagnia aerea”, è quanto ha affermato il presidente de Ávoris, Vicente Fenollar, in un’intervista a Expansión.

La flotta aerea Ávoris, composta dalle compagnie aeree Evelop e Orbest, che, come annunciato da Preferente, sarà ribattezzata Iberojet, dispone di sei aeromobili a lungo raggio e uno per gli aerei a corto raggio. Evelop inizierà a operare come Iberojet dal prossimo maggio. Il marchio Iberojet, acquistato all’asta dal Gruppo Barceló dopo il fallimento di Orizonia, è appartenuto per decenni al gruppo imprenditoriale della famiglia Fluxá, prima che il tour operator fosse venduto con il resto della divisione al fondo Carlyle.

La nuova compagnia aerea Iberojet non ha ancora definito le rotte che opererà come compagnia regolare e continuerà a volare verso le destinazioni tradizionali più il Costa Rica.

Non è tutto, in quanto Fenollar ha anche fatto sapere che: “Presto annunceremo un’espansione in Spagna con l’acquisto di una rete di adv”. Sebbene il manager abbia assicurato che il suo piano di redditività sia fondamentalmente basato “sulla crescita organica e sulla riattivazione della domanda”, sottolineando anche che l’azienda è “in grado di crescere”, riporta Preferente.

In una intervista a Expansión ha affermato che, insieme, le squadre Globalia e Barceló sono “più forti. Ci sono sinergie e possiamo assumere meglio e avere più volume”. Il gruppo conta su una forza lavoro totale di 6.400 lavoratori e su una rete commerciale con quasi 1.500 punti vendita. Ávoris assicura che il suo obiettivo è salvaguardare l’occupazione il più possibile, sebbene riconosca che ci saranno degli aggiustamenti che comporteranno la perdita di circa 200 persone, ma manterrà i suoi marchi principali, come B the travel brand, Halcón, Viajes Ecuador, Travelplan, Catai e Special Tours. Il tutto in uno scenario in cui il mercato al dettaglio in Spagna è in fase di riconfigurazione tra la trattativa tra Viajes El Corte Inglés e Logitravel.

Viajes Carrefour che ha intrapreso un processo di riadattamento in termini di dimensioni, mentre Nautalia ha rilanciato l’apertura degli uffici. Poi ci sono attori come Viajes Azul Marino e il progetto W2m di Gabriel Subías presso Iberostar, che stanno cercando i loro piani di crescita.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti