Tra stand by ed ottimismo

Alla data in cui si scrive è ancora  difficile fare previsioni per le prenotazioni estive. C’è chi afferma che si otterranno “risultati soddisfacenti se sarà permessa la mobilità tra regioni”, osserva traghettiGDS. Dalle testimoniane delle diverse compagnie si possono estrapolare alcune parole chiave a partire da “desiderio” declinato su due fronti. Il dato positivo è che, nonostante persistano “le difficoltà legate all’emergenza sanitaria, percepiamo un grande desiderio di ritorno alla normalità, accompagnato da una rinnovata voglia di viaggiare – osserva Grimaldi Lines -. Le prenotazioni si muovono e il trend che registriamo ci rende fiduciosi, soprattutto per le destinazioni italiane, in particolare per la Sardegna”.

L’altra parola chiave è “risveglio”. Era stato già avvertito a gennaio, “poi l’arrivo della terza ondata ha bloccato tutto nuovamente – attesta il Gruppo Amatori -. Confidiamo che il miglioramento della situazione post lockdown e l’avanzare della campagna vaccinale possano far ripartire la domanda da metà aprile”.

In casa Moby-Toremar-Tirrenia sul fronte prenotazioni, si parla di un trend per l’estate “in linea con le aspettative”.

C’è anche la parola stand by che fa capolino, a detta di Snav, oggi tutto sembra un po’ in questo stato, “ma siamo certi che trascorso aprile ci sarà una buona ripresa della richiesta sulle nostre tratte marittime che collegano dieci tra le più belle isole italiane senza dimenticare la Croazia dove stanno facendo grandi sforzi per assicurare una vacanza sicura”.

In un quadro generale di contrazione delle prenotazioni, rispetto agli anni precedenti, Corsica Sardinia Ferries parla di “maggiori preferenze per i mesi di luglio, agosto e settembre”, mentre la destinazione più richiesta “è la Sardegna, seguita da Corsica ed Elba”.

Blu Navy, a livello statistico, a parità di periodo non registra le stesse prenotazioni del passato, riceve “richieste abbastanza timide. Il clima di incertezza spinge le persone a non finalizzare la prenotazione con grande anticipo, ma come lo scorso anno è plausibile un aumento a ridosso dell’inizio della stagione estiva. Per il mercato estero invece, c’è ancora molta attesa”.

“Positivo”, lo definisce così Superfast il trend, “se le regole e le misure che la Ue sta mettendo in campo in questi giorni, permetteranno effettivamente di viaggiare in tranquillità e sicurezza ci auguriamo di assistere ad una crescita ottima”.

Ellade Viaggi testimonia che le richieste per la stagione estiva “sono iniziate già da dicembre 2020. C’è voglia di partire. Però questo desiderio viene condizionato dall’andamento dell’epidemia, è chiaro che in una situazione di contagi in aumento la predisposizione a programmare vacanze diminuisce”. In ogni caso rispetto allo scorso anno, “la campagna vaccinale sta dando una prospettiva migliore. Si lavora a ritmi di gran lunga inferiori a quelli a cui eravamo abituati, l’auspicio è di avere una stagione 2021 in linea con il 2020, se non leggermente meglio, per poi puntare a qualcosa di molto più positivo nel 2022”.

 

La mappa dei collegamenti

Dove si potrà andare in traghetto questa estate? Grimaldi Lines conferma “un network di 19 collegamenti marittimi nel Mar Mediterraneo, servendo tutte le destinazioni più richieste: Sardegna e Sicilia in primis e poi Spagna, Grecia e Tunisia”.

Il Gruppo Amatori segnala i collegamenti “Ancona-Spalato, Ancona-Zadar, Bari-Dubrovnik. In attesa di conferma il Bari-Bar (Montenegro)”. Il tutto a fronte di un numero di corse che “è stato ridotto di un 30%”.

Ellade Viaggi attesta che sono “confermate tutte le linee stagionali, anche se con programmazioni più caute rispetto agli scorsi anni. Per la Grecia i viaggi diretti per Corfù da Brindisi, Bari, Ancona e Venezia, quelli per Cefalonia da Bari e poi le linee annuali, attive ogni giorno, per Igoumenitsa e Patrasso”.  Per l’Albania si viaggia per Valona e Durazzo tutti i giorni. Confermate le linee per la Croazia, “sia da Ancona sia da Bari. Nel Tirreno Sardegna e Sicilia sono collegate meglio che mai, in vista di un’altra estate in cui il turismo interno si prospetta abbastanza bene”. Per il momento “le incertezze riguardo i viaggi al di fuori dell’Unione europea non hanno consentito di confermare i collegamenti diretti per Saranda”.

Snav conferma e potenzia tutte le sue linee, “che hanno come destinazione dieci tra le piú belle isole del Mediterraneo e la Croazia”. Ci sono poi i collegamenti veloci con le isole del Golfo di Napoli (Capri, Ischia, Procida) effettuati giornalmente tutto l’anno. In aggiunta, da maggio a settembre riprenderanno i collegamenti veloci con le isole Eolie (Stromboli, Panarea, Salina, Lipari e Vulcano) e da giugno quelli per le isole di Ponza e Ventotene, “ideali per uno short break e per una vacanza più lunga”. La linea Ancona- Spalato effettuata con il cruise ferry Snav Aurelia, è programmata da giugno fino ad ottobre con partenze a giorni alterni da Ancona e da Spalato. Non è stata apportata alcuna riduzione della capacità dell’offerta, ma “solo lo slittamento di alcune partenze al mese di giugno e non aprile come la linea da Ancona a Spalato”.

In casa Corsica Sardinia Ferries i collegamenti operativi per l’estate sono la Corsica da Tolone, Nizza, Savona e Livorno, la Sardegna da Tolone, Savona e Livorno, le Baleari da Tolone, l’Elba (alta stagione) da Piombino. Per l’alta stagione al momento non è prevista riduzione nella capacità dell’offerta, “seguiamo l’evoluzione del mercato e delle restrizioni derivanti dalla pandemia”.

Per Moby, Tirrenia e Toremar la situazione non ha influenzato l’operatività e il calendario, “che prevede più di 35.000 partenze (numero riferito solamente alle linee ro-pax a cui si aggiungono tutte le corse solo merci) fino a fine anno per tutte le destinazioni servite da Moby, Tirrenia e Toremar”, che sono Sardegna, Sicilia, Corsica, Isola d’Elba e arcipelago toscano (Giglio, Giannutri, Pianosa, Gorgona e Capraia), oltre ai tre scali all’Elba (Portoferraio, Rio Marina e Cavo nell’Elba con oltre 100 corse al giorno tra Moby e Toremar nei periodi di alta stagione tra Piombino e l’Elba e l’opzione Parti prima, che permette di partire nel momento più gradito, se ci sono posti disponibili).

Superfast Ferries conferma (in joint service con Anek Lines) i collegamenti giornalieri tra l’Italia e la Grecia, che sono: “Le linee giornaliere in partenza da Ancona (Ancona-Patrasso e Ancona-Igoumenitsa) e da Bari (Bari-Patrasso e Bari-Igoumenitsa), le linee in partenza tre volte alla settimana da Venezia (Venezia-Patrasso e Venezia-Igoumenitsa) e un collegamento diretto stagionale per l’isola di Corfù da Ancona, Bari e Venezia ulteriormente potenziato con tre partenze settimanali durante l’estate”. I collegamenti non saranno ridotti, “ma, nel rispettare i protocolli di sicurezza, che prevedono un ridotto uso delle cabine, dei posti in poltrona e delle aree comuni, le navi viaggeranno con circa il 30% in meno della loro capacità”.

Nonostante le difficoltà derivanti dalla pandemia globale, Gnv ha proseguito sul fronte degli investimenti in termini di miglioramento del servizio e incremento della capacità, “con un’ulteriore ottimizzazione del network di rotte: abbiamo già annunciato l’arrivo della nuova nave Gnv Sealand, costruita nel 2009 presso i Cantieri Visentini – afferma Giulio Libutti, head of sales Gnv – e l’arrivo della M/n Gnv Bridge, attualmente in fase di realizzazione nei Cantieri Visentini, che raddoppierà l’aumento di capacità con l’ingresso in flotta già nella tarda primavera 2021”.

Per quanto riguarda Blu Navy al momento è attiva la linea sull’isola D’Elba, mentre sul fronte internazionale tra la Sardegna e la Corsica non è stata ancora fissata una data di partenza. Nel 2021 la compagnia ha il progetto ambizioso di aumentare la capacità dell’offerta sull’Elba: “Introdurremo una seconda nave sul canale che collega la terra ferma all’Isola d’Elba. Può sembrare azzardato, ma questo era un progetto su cui lavoravamo da tanto tempo”.

 

Stefania Vicini

 

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Potrebbe interessarti