Futura estende la cancellazione gratuita

Il mercato ha bisogno di tutti gli strumenti possibili per sostenere l’estate e, in quest’ottica, Futura Vacanze ha deciso di prolungare la validità della promozione “Liberi di annullare” entro 7 giorni dalla partenza fino al 30 aprile. Questa opzione, che offre la possibilità di ripensarci senza penali, è uno dei vantaggi offerti dalla campagna “Emozioni in Libertà” che racchiude un ampio ventaglio di soluzione incentrate sulla tutela del cliente. Flessibilità la parola chiave a garanzia del desiderio di acquistare anticipatamente le vacanze estive senza preoccupazioni legate ad annullamenti o alle esigenze di modificare la propria prenotazione.

Il prolungamento di “Liberi di annullare” non è però l’unico benefit che l’operatore estenderà fino al 30 aprile. Anche la promozione “Futura Go!” sarà, infatti, attiva per un periodo più lungo del previsto e a chi prenoterà entro il termine del mese di aprile sarà offerta l’opportunità di godere di uno sconto di 150 euro a camera per i soggiorni presso i villaggi Futura Club e Futura Style in Italia.

“In generale, nelle ultime settimane, stiamo registrando un progressivo aumento sia delle prenotazioni che delle richieste di preventivo – commenta Belinda Coccia, direttore commerciale trade Futura Vacanze -. Determinante è stata la linea della flessibilità introdotta con la promozione ‘Liberi di Annullare’, che prevede la cancellazione gratuita fino a 7 giorni prima della partenza, e ‘Cambio Tutto’, che consente a chi sceglie un Futura Club di cambiare destinazione, data soggiorno e aeroporto. Anche sull’onda incoraggiante di questi dati abbiamo deciso di prolungare i termini di alcuni vantaggi offerti da ‘Emozioni in Libertà’. Il mercato va sostenuto in tutti i modi e chi vuole pensare alla propria vacanza in tranquillità merita un riconoscimento concreto, così come lo meritano le adv che speriamo possano quanto prima riaprire i battenti senza nuove interruzioni. Abbiamo preso questa decisione anche forti del fatto che la maggior parte dei voucher è stata utilizzata già dallo scorso anno. Il residuo, quindi, non dovrebbe impattare in maniera significativa sul potenziale totale delle prenotazioni e anche per questo abbiamo pensato di essere ulteriormente proattivi nell’incentivazione delle nuove prenotazioni” .

Tags:

Potrebbe interessarti