Smart working in baita, la proposta del Trentino

Smart working sì, ma non alla solita scrivania bensì circondati dalle bellezze paesaggistiche del Trentino Alto Adige. La destinazione e Airbnb hanno avviato una collaborazione mirata a promuovere il territorio attraverso la valorizzazione di alloggi e esperienze.

Non solo, in questo contesto verrà anche lanciato il concorso Smart working in Trentino che darà la possibilità ai viaggiatori di trascorrere un periodo di lavoro da remoto in baita e la loro permanenza verrà monitorata da una psicologa per valutare i benefici del soggiorno. “Alcune tendenze emerse già nel corso della scorsa estate, tra cui una maggiore richiesta di appartamenti e di strutture adeguatamente attrezzate in cui abbinare smart working e periodi di vacanza, sono oggi destinate a rafforzarsi, anche grazie a questa partnership»” ha dichiarato Maurizio Rossini, amministratore unico di Trentino Marketing.

Il Trentino-Alto Adige è stato al terzo posto tra le destinazioni a corto raggio preferite dagli italiani la scorsa estate.“È tra le più popolari in ambito rurale, e con guadagni medi degli host fra i più alti d’Italia. Per i tanti proprietari di seconde case sul territorio, si tratta di un’opportunità per mettere a reddito un asset sottoutilizzato, in un anno difficile ” conclude Giacomo Trovato, country manager di Airbnb Italia.

Tags: , , , ,

Potrebbe interessarti