Il D-Day di Costa: domani il ritorno in mare

E’ arrivato il giorno della ripartenza, per Costa Crociere. Domani l’ammiraglia Smeralda partirà infatti da Savona, rimettendo così in mare le navi di una compagnia che – prima dell’emergenza Covid-19 – generava in Italia un impatto economico pari a 3,5 miliardi di euro all’anno e oltre 17.000 posti di lavoro diretti e indiretti.

L’itinerario di Costa Smeralda, di una settimana, comprende Savona, Civitavecchia, Napoli, Messina, Cagliari e La Spezia, e può essere suddiviso anche in due minicrociere da 3 o 4 giorni per chi preferisce una vacanza più breve. Smeralda sarà la prima di un totale di quattro navi Costa che opereranno nel corso dell’estate 2021, offrendo crociere nel Mediterraneo.

Nei giorni in cui non saranno operative le navi Costa, il terminal Palacrociere di Savona, gestito da Costa Crociere, continuerà a essere utilizzato dalla ASL 2 Savonese per la campagna di vaccinazione contro il Covid-19, contribuendo alla somministrazione del vaccino nel territorio savonese.

Le crociere di Costa Smeralda in partenza da sabato seguiranno le procedure previste dal Costa Safety Protocol, il protocollo sviluppato da Costa insieme a esperti scientifici e alle autorità italiane, che include misure di salute e sicurezza rafforzate per tutti gli aspetti dell’esperienza di vacanza, sia a bordo sia a terra. Il protocollo prevede, ad esempio, tampone per tutti gli ospiti prima dell’imbarco e a metà crociera, visita delle destinazioni con escursioni protette, nuove modalità di fruizione dei servizi di bordo, utilizzo della mascherina quando necessario.

Tags:

Potrebbe interessarti