Le perdite del primo trimestre di Iag superano 1 miliardo di euro

Iag ha riportato un raddoppio delle perdite nel primo trimestre a più di 1,1 miliardi di euro. La capacità passeggeri è stata inferiore al 20% dei livelli equivalenti nello stesso periodo del 2019. Gli attuali piani di capacità passeggeri per il trimestre in corso sono circa il 25% di quella del 2019, “ma rimangono incerti e soggetti a revisione”.

Il gruppo ha avvertito che continua a essere influenzato dalla pandemia Covid-19 insieme alle restrizioni governative e ai requisiti di quarantena. Iag non ha fornito indicazioni sui profitti per il 2021 “data l’incertezza sui tempi della revoca delle restrizioni di viaggio del governo e il continuo impatto e la durata del Covid-19”.

L’amministratore delegato Luis Gallego ha commentato: “Siamo assolutamente fiduciosi che una sicuro ripresa dei viaggi possa avvenire come dimostrato dai dati scientifici”.

Il manager ha fatto appello a un’azione del governo in quattro aree chiave:

  • corridoi di viaggio senza restrizioni tra Paesi che hanno introdotto con successo la vaccinazione e test efficaci, come il Regno Unito e gli Stati Uniti
  • test accessibili, semplici e proporzionati per sostituire la quarantena e quelli più costosi
  • frontiere ben sorvegliate che utilizzano la tecnologia touchless, compresi gli e-gate, per garantire un flusso sicuro e regolare di persone e viaggi senza attrito
  • pass digitali per i test e la documentazione delle vaccinazioni per facilitare i viaggi internazionali.

Gallego ha aggiunto: “Queste misure permetteranno una riapertura sicura dei nostri cieli. I viaggi sono alla base di un’industria globale che sostiene 13 milioni di posti di lavoro solo in Europa. C’è un alto livello di domanda inespressa e l’aviazione giocherà un ruolo critico nel ricollegare le persone e nel rimettere in moto le economie”.

Il manager ha concluso: “Abbiamo agito con decisione per costruire la resilienza aumentando la liquidità e riducendo la nostra base di costi. Al 31 marzo, la liquidità del gruppo è salita a 10,5 miliardi di euro, il che dimostra il buon accesso di Iag ai mercati dei capitali. Stiamo adottando tutte le azioni necessarie per garantire la salute finanziaria del nostro business a lungo termine, compreso l’aumento di capitale di 2,7 miliardi di euro dello scorso anno e rimaniamo concentrati sulla riduzione della nostra base di costi e sull’aumento delle efficienze. Nonostante le sfide poste dall’attuale pandemia, la nostra attenzione alla sicurezza delle persone e dei clienti rimane fondamentale insieme ai nostri impegni sul clima. Il nostro impegno ad alimentare il 10% dei nostri voli con carburante sostenibile per l’aviazione entro il 2030 dimostra che non ci tireremo indietro dalla nostra ambizione di guidare gli sforzi dell’aviazione per ridurre la sua impronta di carbonio”.

 

Tags:

Potrebbe interessarti