Tosca Rossi, per lei Bergamo non ha segreti

Tosca Rossi, vero cuore pulsante della realtà Terre di Bergamo, racconta la propria attività. Guida turistica professionista, abilitata dal 1998, conduce i visitatori alla scoperta della città lombarda, delle valli e delle bellezze dislocate in tutta la provincia. La voglia di raccontare e di parlare davanti al pubblico è sempre stata una delle sue passioni. “Già dai tempi dell’asilo la suora mi invitava davanti ai miei coetanei a raccontare le fiabe, alle elementari presentavo le recite di fine anno, alle medie poi mi facevano fare da guida nelle città in cui si andava in gita scolastica. -spiega Tosca Rossi- Il mio cuore già all’età di otto anni batteva per la Città Alta e, proprio durante una gita scolastica, dissi ‘da grande farò la guida turistica’ ed eccomi qua!”

In questo difficile anno tra molteplici restrizioni Tosca Rossi è riuscita comunque a parlare del suo territorio. “Durante il primo lockdown ho riproposto una scelta tra i miei 200 articoli, di taglio divulgativo, a cadenza bisettimanale tramite broadcast. I canali social sono sempre stati attivi così come il sito, oggetto di restyling. Da maggio a settembre poi sono riuscita a lavorare bene con i locals e poi via con l’on-line fino alla prima decade di marzo di quest’anno. Nel frattempo ho anche redatto la nuova guida di Bergamo e curato diverse prefazioni di libri strenna. Insomma non sono mai stata ferma, ora sono già pronti nuovi percorsi inediti (#RespiraBergamo) e nuove partnership”.

I tour proposti da Terre di Bergamo si concentrano non solo nella città, ma spaziano in provincia e anche in tutto il comparto museale (esclusi gli orti botanici con i quali comunque collabora) oltre a occuparsi di mostre d’arte antica e moderna. Per quanto riguarda i target “Lavoro sia con italiani che stranieri in particolare mitteleuropei. La mia offerta è calibrata sia per grandi gruppi (come Cral e parrocchie), ma anche famiglie o gruppi di amici, oltre che individuali”.

Le proposte tra le quali si può scegliere sul sito Terre di Bergamo sono molteplici e variegate, ma quelle che hanno riscosso maggiore successo sono “Per l’half day Bergamo Città Alta, Crespi d’Adda, il tour Lorenzo Lotto pittore veneziano attivo in città e provincia, le chiese romaniche nella terra di Lemine in Valle Imagna e a seguire i castelli. Per il full day la combinazione più gettonata era Bergamo Città Alta con Città Bassa e l’Accademia Carrara. Per il turismo scolastico Bergamo romana con il Museo degli Scavi e il tesoro del Duomo. Adesso, invece, considerata la stagione consiglio vivamente le passeggiate guidate nel Parco dei Colli di Bergamo tra natura, panorami, scorci, ville, eremi e monasteri: in pratica il nostro polmone verde, un insieme di valli, boschi, antichi passaggi medioevali, orti e broli ma senza una guida si corre il rischio di perdersi”.

Fare rete con altre realtà della zona è fondamentale per Terre di Bergamo. “Collaboro con tutti i consorzi turistici territoriali, dalla Valle Imagna al Lago d’Iseo fino alla pianura. È un aspetto fondamentale per questo lavoro, anche perché il fine è comune, si diventa ambasciatori vicendevoli e si apprende l’uno dall’altro. Lo stesso discorso vale anche per molte agenzie di viaggio, oltre a enti pubblici e privati di città e provincia, fondazioni e organizzatori di eventi con cartellone e palinsesto annuale come ad esempio Art2night, I maestri del paesaggio, Le botteghe di Bergamo Alta e tante altre”. Il video di presentazione di Tosca Rossi è disponibile a questo link

Sveva Faldella

Tags: ,

Potrebbe interessarti