La Francia gioca d’anticipo: campagna da 10 mln

Non ha perso tempo la Francia per riproporsi all’estero e lo fa con una campagna europea di rilancio che è stata presentata da Jean Baptiste Lemoyne, segretario di Stato e ministro del Turismo. Per la prima volta Atout France, i 13 Comitati regionali del turismo, agenzie di attrattività, agenzie turistiche della Francia metropolitana e le imprese private del settore si uniscono per lanciare un’iniziativa di riconquista dei turisti su 10 mercati europei. Il claim della campagna per l’Italia è “Quel che conta davvero”.

In Francia, secondo la Banca di Francia, le entrate del turismo internazionale sono diminuite di poco più del 50% nel 2020 rispetto al 2019. Tuttavia, il miglioramento della situazione sanitaria e l’accelerazione delle campagne di vaccinazione in Europa permettono oggi al Governo francese di allentare le condizioni di accesso al territorio nazionale. Dal 3 maggio, i turisti dell’area europea hanno di nuovo la possibilità di venire in Francia a condizione di presentare un test Pcr negativo.

“Un segnale positivo che permette di considerare una ripresa graduale dell’attività turistica – spiegano da Atout France -. Ecco perché il Paese dal settore pubblico a quello privato si è mobilitato per elaborare una strategia comune per riconquistare i visitatori europei”. E si preparano a lanciare una campagna di comunicazione di una portata che non ha precedenti. L’obiettivo di questa campagna è di posizionare la Francia come la destinazione ideale per tornare a viaggiare rispetto ai viaggiatori europei che, prima della pandemia, rappresentavano già più del 75% dei flussi di visitatori internazionali e dovrebbero rappresentare più dell’85% nel 2021.

Con il marchio #ExploreFrance, questa campagna di rilancio inviterà i turisti di 10 mercati europei ad andare in Francia per ritrovare “Quel che conta davvero”. Promuoverà un’offerta turistica rinnovata, che ha saputo trasformarsi e innovarsi per soddisfare le nuove aspirazioni dei visitatori e sostenere il loro bisogno di ritrovare nuove energie e tornare all’essenziale. Metterà dunque in primo piano le offerte innovative in termini di turismo slow, di scoperta degli spazi naturali, di cultura e patrimonio così come l’arte di vivere, e si baserà sulla volontà comune di promuovere un turismo più sostenibile.

Le azioni messe in campo da Atout France e dai suoi partner punteranno a: rassicurare i turisti europei sui protocolli sanitari messi in atto dagli operatori turistici francesi; informarli sulle strutture turistiche aperte e a loro disposizione; ispirarli suggerendo nuove proposte di destinazioni ed esperienze in linea con le loro aspirazioni. Parallelamente alle azioni condotte con i media e i professionisti europei del turismo per rassicurare e informare sulle misure sanitarie, le misure di flessibilità commerciale e l’offerta turistica proposta, la campagna promozionale aiuterà a ispirare i viaggiatori europei suggerendo nuove destinazioni ed esperienze, e a dare nuovo slancio alle prenotazioni di soggiorni. La campagna, prevista in sequenza per l’estate e la bassa stagione/autunno, è stata concepita per essere declinata in modo graduale e flessibile in funzione dei cambiamenti della situazione sanitaria in Francia e sui vari mercati europei, e dell’evoluzione delle restrizioni sui viaggi intraeuropei verso la Francia. Scatterà questo mese e varierà a seconda dei mercati, a seconda delle condizioni di ripresa della mobilità da e verso i paesi interessati: Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Belgio, Svizzera, Italia, Spagna, Danimarca, Svezia e Austria.

Essenzialmente digitale, si baserà su un insieme di azioni marketing e comunicazione rivolte prioritariamente alle famiglie, ai millennials e ai dinks (coppie senza figli). Un ammontare di 10 milioni di euro sarà co-investito dallo Stato (tramite Atout France), dai comitati regionali del turismo, agenzie di attrattività, agenzie del Turismo della Francia metropolitana.

Tags: ,

Potrebbe interessarti