Prenotazioni: Italia e Albania battono Spagna e Grecia

Campagna vaccinale che marcia spedita, prime prove di allentamento delle restrizioni, belle giornate primaverili. Tutto ciò è bastato per iniziare a prenotare le vacanze 2021. Nella “battaglia” tra destinazioni turistiche mediterranee, le prenotazioni per Italia e Albania al momento battono quelle per Spagna e Grecia. A dirlo è eDreams, che ha condotto una ricerca sull’andamento di prenotazioni e ricerche per la prossima estate fatte sulle app e i siti del gruppo in Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Germania, Svizzera, Austria e Regno Unito.

Circa il 97% delle prenotazioni già fatte dagli italiani per luglio e agosto e il 95% di quelle per la tarda estate, settembre e ottobre, si orienta al momento su voli a medio e a corto raggio. Si direbbe poi che quest’anno siano le coppie quelle che hanno più voglia di regalarsi subito una vacanza, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, in cui chi aveva già prenotato era organizzato prevalentemente in piccoli gruppi di 3 persone.
Se si guarda, invece, la durata delle ferie, nei mesi più caldi della prossima estate un italiano su due (51%) ha prenotato una vacanza di 7-13 giorni. Questa durata sembra essere la preferita anche per i mesi più freschi, con il 38% delle prenotazioni. Inoltre, rispetto allo stesso periodo nel 2020, si registra una crescita di 5 punti percentuali (per settembre e ottobre dello scorso anno il 33% degli italiani aveva prenotato una vacanza di 7-13 giorni), segno di una maggiore considerazione della vacanza, anche un po’ più lunga, fuori stagione.

Se le coste italiane hanno la meglio in questa prima fase di early booking per luglio e agosto, nella tarda estate salgono di preferenze o compaiono ex novo alcune capitali culturali del turismo europeo, come Barcellona, Parigi e Amsterdam. Considerando poi la spesa destinata al viaggio estivo, per i turisti che hanno giocato d’anticipo si aggira intorno a una media di 136 euro.

Da uno sguardo alle ricerche, invece, emerge che gli italiani hanno più che mai voglia di tornare alla vita normale, ma con qualche riflessione in più. Come ad esempio un pensiero alla vacanza fuori stagione. Infatti, se le ricerche effettuate sui siti e sulle app eDreams per viaggiare a luglio e agosto si concentrano comunque in prevalenza sul medio e corto raggio (70% rispetto al 30% per il lungo raggio), chi valuta una partenza a settembre e ottobre inizia ora ad essere incline a considerare anche un viaggio lungo, quindi una vacanza in piena regola (44% rispetto al 56% dei viaggiatori che fanno ricerche per partenze a breve e medio raggio). Si tratta di una tendenza in lenta, ma continua crescita, dato che nel 2019, nell’era pre-Covid, in questo periodo i viaggiatori che si informavano per viaggi a lungo raggio a fine estate erano comunque il 37%.

Lasciano ben sperare anche le destinazioni più ricercate. Nella top ten delle ricerche degli italiani che vorrebbero partire in piena estate figurano diverse mete internazionali. Tra queste New York, in terza posizione per il periodo luglio e agosto e addirittura al primo posto delle ricerche per i viaggi di fine stagione. Chiudono, poi, la classifica delle ricerche per settembre e ottobre Tokyo e Dubai, avvolte dal fascino dei grandi eventi dell’anno. Le mete che fanno sognare i nostri connazionali per settembre e ottobre 2021 iniziano a ricordare quelle dello stesso periodo del 2019, ulteriore segnale che gli italiani sono pronti a girare di nuovo il mondo.

L’Italia è anche nei pensieri dei viaggiatori internazionali intervistati, che hanno speso ad oggi circa 241 euro pro capite per le prossime vacanze. La Città Eterna si trova al 9° posto della classifica globale delle mete più prenotate per settembre e ottobre 2021. In particolare, è posizionata nella classifica delle prenotazioni della tarda estate di Spagna e Portogallo, rispettivamente al 10° e al 6° posto.

Tags:

Potrebbe interessarti